Quando la poesia si fa pittura, le opere di Prisco De Vivo

Quando la poesia si fa pittura, le opere di Prisco De Vivo

(Beatrice Crisci) – “Quelli di Prisco De Vivo sono leggeri e delicati pensieri visivi, frammenti di emozioni poetiche trasposte con il linguaggio delle arti visive: il suo tratto veloce, le scelte coloristiche mai casuali, una composizione scarna ed essenziale, congiuntamente all’evidente materismo delle sue composizioni rimandano ad un carattere tragico e visionario evidente anche della sua produzione poetica”. Così si legge nel testo di Luca Palermo curatore della mostra di Prisco De Vivo che sarà inaugurata martedì 29 novembre alle ore 18 a Caserta. De Vivo, artista e poeta napoletano presente dal 1990 nel circuito dell’arte nazionale ed internazionale (Germania, Svizzera, New York etc…), sarà ospitato, per la prima volta, dal Museo d’Arte Contemporanea con la mostra “I colori e la carne del poeta”. Sarà questa anche l’occasione per rendere omaggio, attraverso le sue opere pittoriche ed installative, ai poeti che maggiormente hanno influenzato il suo modus operandi e che, negli ultimi anni, hanno condizionato la sua ricerca e la sua metodologia lavorativa. Muovendo da tali presupposti, lo spettatore intraprenderà un “viaggio” trasversale che metterà in relazione l’arte visiva di Prisco De Vivo con momenti significativi della vita e dei processi creativi di poeti come Silvia Plath, Anna Achmatova, Ingeborg Bachmann, Antonin Artaud, Gabriele D’annunzio, Ezra Pound, Arthur Rimbaud e Giacomo Leopardi.

La pittura di Prisco De Vivo, ad un primo e superficiale sguardo appare formulare una ricerca accostabile a quanto espresso prima da Munch e, poi, da tutto l’espressionismo tedesco; tuttavia, andando più in profondità, risulta chiara l’attitudine letteraria e filosofica dell’artista che, pur partendo da una siffatta piattaforma, tende ad indagare l’animo e l’inquietudine umana attraverso una rappresentazione che diventa man mano sempre più concettuale,

La sua propensione verso un concettualismo formale e contenutistico è maggiormente evidente nelle installazioni proposte che, oltre ad aggiungere un tassello di fondamentale importanza alla comprensione di eventi e tratti distintivi della vita dei suddetti poeti, creano un circolo di rimandi continui con le opere pittoriche alle quali costantemente si rapportano.

 È un’estetica del dolore quella rappresentata da Prisco De Vivo: un dolore che è fisico, ma soprattutto morale ed interiore. È il dolore che i poeti esprimono nei loro versi, ma è anche il dolore che gli artisti imprimono sulla tela: la scrittura, in tal modo, si fa pittura; il verbo si fa carne. E se tra il periodo rinascimentale e quello neoclassico era la poesia a dover intercettare ed interpretare la prassi artistica (ut pictura poiesis), nei lavori di Prisco De Vivo questo rapporto è totalmente ribaltato: l’arte diventa ancella della poesia, ne coglie le sfumature, fornisce nuove ed inedite chiavi di lettura e permette allo spettatore di penetrarne il “mistero” attraverso un sapiente uso del mezzo pittorico.

Del resto Leon Battista Alberti nel suo De Pictura scrisse: “Ma piacemmi sia il pittore, per bene potere tutte queste cose, uomo buono e dotto in buone lettere […]. E farassi per loro dilettarsi de’ poeti e degli oratori. Questi hanno molti ornamenti comuni con il pittore […]”.

Condividi questo articolo:

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 5543 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

Al Comunale la vita in “Due” con Raoul Bova. Come sarà?

(Claudio Sacco) – Programmazione straordinaria in questo weekend al Teatro Comunale “Costantino Parravano” di Caserta. Sulla scena Raoul Bova e Chiara Francini in “Due”. La prima sarà il 10 febbraio, come

Condividi questo articolo:
Primo piano

Art Bonus. Il Comune di Caserta presenta tre progetti

Sono tre i progetti di valorizzazione dei beni culturali oggetto della delibera approvata dalla Giunta Comunale, che ha dato l’ok all’attività di reperimento e accettazione di erogazioni liberali da parte

Condividi questo articolo:
Primo piano

Erminia Bottiglieri, Ordine Medici: La prevenzione innanzitutto

Condividi questo articolo:

Condividi questo articolo:

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply