Quelli del Castropignano, una compagnia fuori dal Comune

Quelli del Castropignano, una compagnia fuori dal Comune

Claudio Sacco

– Tante risate, tanto divertimento e sala del Comunale strapiena per l’ultimo appuntamento della rassegna «Ripartiamo dal teatro», promossa dagli assessorati alla Cultura e ai Grandi Eventi del Comune di Caserta e finanziata dalla Regione Campania (POC Campania 2014-2020). «‘O marito ‘e Nannina» è la brillante commedia del filone scarpettiano che la compagnia teatrale Quelli del Castropignano ha portato in scena al Comunale. Prima della rappresentazione il saluto dell’Amministrazione con il vicesindaco Emiliano Casale e l’assessore alla Cultura Enzo Battarra. A rappresentare l’associazione DiCoQui, ovvero Dipendenti Comunali in Quiescenza, la dottoressa Giovanna Napolitano, già funzionaria del settore Cultura del Comune.

Per il vicesindaco Casale: «Ripartiamo dal teatro è stato un rilancio del teatro nel post pandemia. Con un finanziamento regionale come Ente comunale abbiamo deciso di investire questi soldi per rilanciarlo con tutte le compagnie teatrali della città. Era giusto dare loro un supporto, un contributo economico e dare la possibilità di esibirsi in pubblico. La nostra è una città che deve vivere di cultura ed è piena di cultura, ha dei talenti come la compagnia del Castropignano che per noi sono dei talenti. Quindi abbiamo deciso di intraprendere questo percorso che abbiamo portato a termine con successo. Le serate sono state sempre piene e chiudiamo in bellezza con gli amici dipendenti del Comune che tanto danno al Comune ma sanno dare anche emozioni dal palcoscenico. Ripartiamo adesso, ma non finisce qui perché continueremo con questa iniziativa». Per l’assessore Battarra: «E’ con grande piacere che partecipo a questa serata, d’altronde con tanti amici che sono i dipendenti del Comune di Caserta. Questa è una bellissima iniziativa che conclude la rassegna che abbiamo voluto dedicare al teatro, alla sua ripartenza, perché siamo convinti che una città si può riprendere da tanto dolore solo partendo anche dalla gioia, dal buonumore che può mettere il teatro. Dunque, ripartiamo veramente dal teatro ma ripartiamo dalla vita di ognuno di noi. Anche se le notizie dell’ultima ora non sono proprio confortanti, cerchiamo di andare avanti, di guardare oltre». Il ritorno in teatro della compagnia è avvenuto proprio grazie all’interessamento di Rita Ferraiolo, presidente dell’associazione DiCoQui. Impegnati come interpreti nei vari personaggi Marisa Brancato, Angela Cefarelli, Francesco Sacchettino, Rosa Anna Natale, Corradino Campofreda, Paolo Marcenò, Melina Cortese, Francesco Tescione, Ignazio Zerrillo, Claudio Batelli e Gianni Gabriele che ne ha curato anche l’adattamento e la regia. Scene di Sacs – scenografie.

About author

You might also like

Primo piano 0 Comments

Elezioni Caserta. Marino: Fondamentale la riforma della macchina amministrativa comunale

“La riforma della macchina amministrativa del Comune di Caserta è una delle assolute priorità del mio programma elettorale. Il Comune deve essere un luogo ‘amico’ dei cittadini, rispondendo con precisione,

Primo piano 0 Comments

Bubala, dalla mozzarella nasce la nuova birra made in Caserta

Claudio Sacco – Bubala è la prima birra con siero di latte derivante dalla lavorazione della mozzarella di bufala campana dop. Una produzione dell’azienda brassicola casertana White Tree Brewing all’interno

Primo piano 0 Comments

Infezioni sotto controllo, al Pineta Grande Hospital c’è il robot

-Il Pineta Grande Hospital è l’unica struttura ospedaliera in regione Campania – e tra le pochissime in Italia – ad essersi aggiudicata il robot intelligente autonomo in grado di garantire

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply