Reggia. Appartamenti Reali di nuovo visitabili dal 17 giugno

Reggia. Appartamenti Reali di nuovo visitabili dal 17 giugno

Pietro Battarra foto Ciro Santangelo

Gli Appartamenti Reali della Reggia di Caserta saranno di nuovo visitabili da mercoledì 17 giugno. Ecco la notizia che si attendeva da un pò. ALa Direzione fa sapere che da oggi è possibile prenotare l’ingresso e acquistare online i biglietti fino al 31 agosto prossimo.

Nella nota si legge: «L’attesa è stata motivata dai lavori di riorganizzazione e pulizia degli spazi museali e dalla necessaria applicazione delle norme anti Covid per gli ambienti chiusi. Siamo certi che nuovi angoli e prospettive di visita potranno ripagare del prolungamento della chiusura».

Da oggi, quindi, collegandosi al link https://bit.ly/prenotazioniReggiadiCaserta si può riservare il proprio posto per visitare uno dei luoghi più incantevoli del mondo. 

E ancora: «La Reggia di Caserta intende restituire ai suoi fruitori maggiori spazi, invitando alla rilettura del patrimonio anche da nuovi punti di vista. Il Palazzo Reale non solo come luogo di delizia ma come sistema funzionale alle esigenze della famiglia reale e a quelle della produttività di una Casa Reale. Un microcosmo in cui acquisiscono un valore fondamentale le aree di servizio, i luoghi riservati al personale al seguito del re e della regina e ai nobili che gravitavano intorno ai regnanti».

​Quindi, la Direzione assicura che «la visita alla Reggia di Caserta avverrà in assoluta sicurezza. Al fine di garantire la tutela della salute del personale e dei visitatori, in considerazione delle restrizioni imposte dal Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo e dalla Regione Campania, l’accesso è infatti contingentato per numeri e per fasce orarie e la prenotazione è obbligatoria. In ciascuna sala e spazio del percorso museale degli Appartamenti reali, inoltre, saranno presenti indicazioni relative al numero massimo di presenze ammesse. Si fa appello, quindi, al senso di responsabilità dei nostri pubblici. Il personale vigilerà sul rispetto delle prescrizioni.

L’Istituto museale in queste settimane ha, purtroppo, dovuto constatare la mancanza di riguardo di alcuni visitatori verso i turisti. Sono state effettuate, infatti, tutti i giorni centinaia di prenotazioni da parte degli abbonati cui non ha fatto seguito l’ingresso al Complesso vanvitelliano. Ciò a discapito degli altri pubblici del Museo, che non hanno avuto la possibilità di prenotare la visita, e del territorio, che confida anche nel turismo per la ripresa economica. Si comprende la volontà dei nostri cari abbonati di visitare anche quotidianamente il Parco Reale, ma si auspica che tale fruizione possa avvenire con maggiore considerazione del ruolo della Reggia di Caserta quale luogo della cultura e patrimonio dell’umanità».

Al fine di garantire l’accessibilità al Museo, pur nel rispetto delle norme anti Covid, dal 17 giugno il numero degli accessi consentiti è quasi raddoppiato: 120 persone ogni 15 minuti da Piazza Carlo III (cancello centrale), 50 persone ogni 15 minuti da corso Giannone. Si confida nel senso di appartenenza degli abbonati affinchè, anche grazie al loro senso di responsabilità, la Reggia di Caserta possa tornare ad essere un attrattore culturale e turistico internazionale. 

Questo l’orario di apertura degli Appartamenti Reali dal 17 giugno: dalle 9.30 alle 19.30, con ultimo ingresso alle 19.00. Si segnala, infine, che sono in corso importanti lavori di restauro. L’accesso ad alcuni ambienti potrebbe dunque essere interdetto. Si invita il pubblico a seguire attentamente le indicazioni fornite dal personale e dalla cartellonistica.

Per consentire una piacevole visita, tutte le informazioni sono consultabili al link www.reggiadicaserta.beniculturali.it

About author

Pietro Battarra
Pietro Battarra 145 posts

Pietro Battarra. Pubblicista. Laurea triennale in Scienze delle Comunicazioni Università Suor Orsola Benincasa Napoli. Iscritto al Master in Marketing e Digital Innovation per l'arte e la cultura, Università Guglielmo Marconi. Si interessa in particolare di cultura e fenomeni sociali. La sua passione sono la moda e il fitness. Ha iniziato giovanissimo a sfilare per marchi come Dolce&Gabbana, Trussardi, Hogan, Roberto Cavalli, Alcott, MSGM, Minimal ed è stato protagonista di shooting fotografici e cataloghi per importanti campagne pubblicitarie. Dall’esperienza a New York a quella in Cina, passando per la Turchia, la Spagna e Singapore nei suoi progetti c’è quello di occuparsi di marketing e comunicazione.

You might also like

Spettacolo 0 Comments

Goccia a Goccia, su RadioPrimaRete un nuovo appuntamento

Emanuele Ventriglia -Erbe aromatiche e loro sviluppo sul mercato, adozioni, decoro urbano, cinema con i David Donatello. Ecco i temi della puntata di Goccia a Goccia in onda giovedì 5

Primo piano 0 Comments

Buon compleanno dagherrotipo! Bernoud fotografò i Borbone

Luigi Fusco -Il 9 di gennaio del 1839, l’Accademia francese delle scienze annunciava l’invenzione del dagherrotipo. Nasceva così il primordiale procedimento fotografico per lo sviluppo di immagini. Questa tecnica venne

Primo piano 0 Comments

Speranza per Caserta sull’inchiesta della DDA

In relazione all’inchiesta della Dda di Napoli di quest’oggi che ha portato all’arresto di esponenti politici e imprenditori accusati di collusione con la camorra casertana, la coalizione di «Speranza» («Speranza per Caserta»

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply