Reggia, il bambinello ritrovato visto con la luce ultravioletta

Reggia, il bambinello ritrovato visto con la luce ultravioletta

Luigi Fusco

– Si è dato avvio al secondo step per la riscoperta scultura del “bambinello” della Reggia di Caserta.  Dopo il suo ritrovamento e la sua temporanea esposizione presso la Cappella Palatina, l’opera marmorea raffigurante il piccolo Carlo Tito di Borbone, attribuita all’artista napoletano Giuseppe Sammartino, è stata sottoposta alla “fase conoscitiva”. Alla presenza dell’équipe tecnica, storica e diagnostica, di cui fanno parte anche esperti dei Dipartimenti di Scienze Chimiche e di Scienze della Terra-Ambiente e Risorse (DiSTAR) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, sono state messe in atto le prime indagini che hanno riguardato il prelievo di sostanze filmogene residue in superficie.  L’intervento è avvenuto attraverso l’impiego di piccoli batuffoli in cotone, l’osservazione fatta con il microscopio digitale e la visione della parte esterna della scultura tramite la luce ultravioletta, con la “Lampada di Wood”, che ha consentito, infine, l’esame di dettagli invisibili a occhio nudo. Successivamente il “bambinello” verrà sottoposto ad altri test che consentiranno di individuare la metodologia più idonea da applicare per la fase vera e propria di pulitura della sua superficie. 

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 706 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Cultura 0 Comments

Francesco Giorgino, al volto del Tg1 il premio PulciNellaMente

(Claudio Sacco) “Bisogna tutti insieme sviluppare un’alleanza strategica nell’interesse della crescita dei singoli, della collettività e di quella saldatura intellettuale, passato-presente-futuro, che è l’unica condizione per preservare l’umanità. È finito il

Attualità 0 Comments

The Make Difference 2017, l’Usacli porta il volley nelle carceri

Maria Beatrice Crisci Prende il via dalla seconda settimana di maggio il progetto Usacli «The Make Difference 2017», che mira alla promozione della pratica sportiva all’interno degli istituti penitenziari. Il

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply