Regina Viarum, firmata a Roma la candidatura Unesco

Regina Viarum, firmata a Roma la candidatura Unesco

Luigi Fusco

-Si è svolta a Roma la cerimonia per la firma del protocollo che promuove la candidatura dell’Appia a Patrimonio Immateriale dell’UNESCO. La Regina Viarum, realizzata nel 312 a.C. da Appio Claudio, si sviluppa per ben 609 chilometri che conducono dall’Urbe a Brindisi. Di questi, 109 si articolano lungo un tratto che comprende parte della Campania, la cui tutela e conservazione ricadono in buona parte sotto l’amministrazione della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le Province di Caserta e Benevento, diretta dall’architetto Gennaro Leva. Lo stesse ente, già da tempo, ha promosso importanti interventi di scavo, così come previsto dal progetto “Appia Regina Viarum” sostenuto dal Segretario Generale del Ministero della Cultura per acquisire nuovi elementi archeologici sull’Appia stessa, così da avviare nuove azioni di riqualificazione e di valorizzazione di alcuni percorsi meno noti o abbandonati. Difatti, l’attività svolta dai funzionari della SABAP di Caserta e Benevento ha portato alla luce ulteriori tratti dell’Appia comprensivi di elementi architettonici relativi a monumenti o edifici che la lambivano. 

Nel territorio di Sessa Aurunca sono state rinvenute tracce inerenti la superficie stradale che attraversava l’antica Sinuessa. A Mondragone, invece, sono stati effettuati dei lavori che hanno interessato il basolato originario visibile all’interno del Parco dell’Appia. A Santa Maria Capua Vetere sono state condotte indagini intorno all’Arco di Adriano e presso l’ex carcere borbonico, odierna Piazza San Francesco. In quest’ultima zona è stato scoperto un pezzo della Regina Viarum che si intersecava con il foro dell’antica Capua. Altri scavi sono stati poi effettuati al di fuori dell’attuale centro cittadino ed hanno riguardato il recupero di una porzione del Castellum Aquae: la via Acquaria che si innestava sull’Appia.

A Santa Maria a Vico sono state scavate zone mai interessate da opportune investigazioni archeologiche e, nel contempo, è stata avvita la pulizia di un tratto già noto della stessa Appia dove sono stati rinvenuti diversi elementi di fabbricati ad essa afferenti. Anche a Benevento sono state svolte alcune indagini, condotte soprattutto intorno all’Arco di Traiano.  Altri interventi sono stati invece effettuati in corrispondenza di Ponte Leproso, punto di ingresso nel centro urbano del capoluogo sannita, anticamente occupato da una monumentale necropoli digradante verso il fiume Sabato.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 1086 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Attualità

Uzbekistan. Giorgi, consulente dell’Istituto per lo sviluppo del Turismo

Maria Beatrice Crisci L’avvocato casertano Vittorio Giorgi nominato consulente dell’Istituto per lo Sviluppo del Turismo dell’Uzbekistan, ente governativo controllato dal Ministero del Turismo. Il documento porta, la firma del Ministro

Primo piano

Settimana Prevenzione oncologica. La Lilt in piazza a Caserta

Maria Beatrice Crisci – Domenica 17 marzo la Lilt, lega italiana per la lotta ai tumori, sarà in piazza Dante a Caserta per dare il via alla settimana della prevenzione.

Attualità

Marino incontra il vicepresidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola

“Vogliamo costruire già la nuova Caserta e non fare polemica. Abbiamo l’ambizione di essere guida dell’intera provincia, lavorando assieme agli altri sindaci della conurbazione, dando vita ad una nuova classe