Roberto De Simone al Quirinale, domenica il concerto a Radio3

Roberto De Simone al Quirinale, domenica il concerto a Radio3

Claudio Sacco

– La cultura non si ferma. E così Napoli Teatro Festival Italia rende omaggio al Maestro Roberto De Simone. Iniziativa questa concepita e realizzata in collaborazione con Radio3. E’ questa la nuova produzione di prestigio del Napoli Teatro Festival Italia diretto da Ruggero Cappuccio e finanziato dalla Regione Campania.

L’evento sarà presentato in anteprima domenica 13 dicembre alle 11.50 nell’ambito della rassegna di Concerti di Radio3 al Quirinale. Un appuntamento da non perdere,  che si svolgerà a porte chiuse nella suggestiva Cappella Paolina, ma che il pubblico potrà seguire attraverso la diretta radiofonica su Rai Radio3 e in video sul portale streaming di RaiPlay.

Il programma prevede tre brani, due di De Simone per chitarra e quartetto d’archi, intervallati da una composizione per chitarra sola di Edoardo Catemario su temi di Gesualdo da Venosa. Il concerto, che sarà aperto da “I racconti di Mamma Orca” di De Simone, un’opera del 1996 che coniuga in cinque movimenti la tradizione colta e quella popolare ( Toccata, Gesualda, Senza Nome, Pergolese, Follia di Spagna), si concluderà con l’esecuzione in prima assoluta di “Ma fin est mon commencement”, ultima creazione del Maestro, dedicata dall’autore al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Un brano che trae ispirazione dall’omonimo canone del XIV secolo composto da Guillaume de Machaut, musicista e poeta vissuto a Napoli in epoca angioina, capace di contribuire in maniera determinante alla fioritura di una scuola che divenne un punto di riferimento per la cultura musicale italiana ed europea.

L’esecuzione del concerto, che dopo l’anteprima al Quirinale farà parte del programma della sezione musicale dell’edizione 2021 del Napoli Teatro Festival Italia, è affidata a Edoardo Catemario e al Quartetto Canonico, composto da Matteo Calosci e Niccolò Musumeci (violini), Margherita Fanton (viola), Zoltan Szabo (violoncello).

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6654 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

1616, l’anno di Shakespeare, Cervantes e i Rosacroce

Il 1616 è stato un anno molto particolare. Quattrocento anni fa scomparivano due personaggi cruciali per la cultura dell’occidente. Per caso concludono il loro percorso terreno nello stesso giorno, il

Primo piano

Napoli, alla Misericordiella la personale di Valentina Palazzari

Maria Beatrice Crisci (ph Pino Attanasio) – È la Chiesa di Santa Maria della Misericordia ai vergini ad accogliere la personale di Valentina Palazzari «Si sta come d’autunno». È un

Primo piano

Gianni Dessì alla Galleria Nicola Pedana Arte Contemporanea Caserta

“In chiaro. Nel titolo della mostra voglia di essere espliciti. Ciò di cui si parla, infatti, è la pittura, la pittura che cerca la sua evidenza, il suo fare ampio

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply