San Biagio a Capua, quando devozione fa rima con tradizione

San Biagio a Capua, quando devozione fa rima con tradizione

Luigi Fusco

– Fervono i preparativi a Capua per la festività di San Biagio, vescovo armeno del III secolo d.C., prevista per giovedì 3 febbraio. A organizzare l’evento sacro è l’Arciconfraternita del Rosario, tra i sodalizi laico-religiosi più antichi della città. La devozione incontra la tradizione. Come da consuetudine e nel rispetto delle norme anti-covid, anche per quest’anno la memoria liturgica di San Biagio verrà rinnovata presso la Chiesa di San Domenico, sede storica della Venerabile Arciconfraternita del Rosario. Alle 10.00 ci sarà la recita del Santo Rosario, alle 11.30 si svolgerà la Celebrazione Eucaristica con Unzione della Gola e Benedizione del Pane.

 Per l’occasione, sono già stati avviati vari interventi di manutenzione ordinaria all’interno della chiesa di San Domenico. Dalla sistemazione del simulacro di San Biagio, pregevole scultura in legno, creta e cera, realizzata, nella seconda metà dell’Ottocento, da Francesco Saverio Jommelli, scultore napoletano operante nella prestigiosa strada di San Gregorio Armeno, dove sono i laboratori dei maestri pastorari. 

L’effige capuana si caratterizza non solo per le sue notevoli dimensioni, ma anche per il suo impianto iconografico. Difatti, il santo vescovo è raffigurato mentre compie il miracolo della guarigione del bambino che stava morendo soffocato a causa di una lisca di pesce rimasta in gola.  Prodigio che avvenne attraverso l’ingerimento di un pezzo di pane benedetto. A seguito di tale portento, Biagio venne considerato protettore di tutti i mal di gola. Infatti, molta dell’importanza simbolica di questo santo ruota attorno al pane che, nel giorno del suo dies natalis, viene distribuito ai fedeli preparato in ben tre forme: la manina, il pastorale e la trachea.  Altro attributo ricorrente nella rappresentazione di San Biagio sono le candele o i ceri incrociati verso la gola, la cui presenza rimanda sempre al potere taumaturgico di guarigione da qualsiasi patologia connessa alla gola o alla trachea. 

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 645 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Fondo di Rotazione, a Caserta finanziati ben 7 progetti

(Luigi D’Ambra) – Il Comune di Caserta, in una nota diffusa alla stampa, informa che “sono ben sette i progetti ammessi ai finanziamenti della Regione Campania per la progettazione di opere

Primo piano 0 Comments

Venerdì 17. “Non è vero ma ci credo”, ma è solo superstizione

Maria Beatrice Crisci (in copertina opera di Andrea Petrone) -Oggi venerdì 17, un giorno considerato da molti sfortunato. Una data in cui la sfiga è dietro l’angolo. «Non è vero

Salute 0 Comments

La bellezza e il benessere delle gambe. Un obiettivo possibile

(Maria Beatrice Crisci) – Gambe sane e in pieno benessere non solo d’estate, ma tutto l’anno con poche semplici regole da seguire. Per questo nuovo incontro dedicato al benessere abbiamo scelto il centro

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply