San Biagio, protettore della gola e delle attività agricole

San Biagio, protettore della gola e delle attività agricole

Luigi Fusco

-A San Biase, ‘o sole pe ‘e case. È l’antico detto che si recita nel giorno di San Biagio, la cui ricorrenza,
prevista il 3 febbraio, è successiva a quella della Candelora, a cui è legato un altro antico motto: Cannelora, ‘state dinto e vvierno fora. San Biagio è soprattutto noto per essere il protettore della gola e delle attività agricole.
Nativo di Sebaste, in Armenia, verso la fine del III secolo è stato vescovo presso la propria città, dove venne pure martirizzato nel 316. Nell’VIII secolo alcuni armeni portarono le sue reliquie in Italia.
A lui vengono rivolte innumerevoli preghiere e vengono anche inoltrate speciali richieste di grazie per
guarire dal mal di gola. Non solo protegge dai malanni invernali. Difatti, il suo patronato si estende anche ai cardatori di lana, agli animali e alle attività agricole.
Secondo la leggenda, il suo potere taumaturgico deriva dall’evento miracoloso che compì mentre veniva
perseguitato dai romani. Si narra che prima di venir condannato a morte si avvicinò a lui una donna con il
proprio figlioletto che stava soffocando per una lisca di pesce che gli si era conficcata in gola. San Biagio lo benedisse e il bambino si salvò.
Ancora oggi durante la Celebrazione Eucaristica a lui dedicata il sacerdote officiante tocca la gola dei fedeli con l’imposizione di due candele incrociate.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 1086 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Primo piano

Inclusione, i minori stranieri accolti dal Sai del Cidis

(Comunicato stampa) -I minori stranieri non accompagnati del Sai di Caserta, accolti nelle comunità alloggio del Cidis, impegnati fino a gennaio con LGNet 2, il progetto europeo coordinato dal Ministero

Canale TV

Un Borgo di Libri, premio LeggiCinema a Francesco Piccolo

Maria Beatrice Crisci -Premio LeggiCinema a Francesco Piccolo. Lo scrittore e sceneggiatore casertano ha chiuso la rassegna “Un Borgo di Libri” nell’ambito del Settembre al Borgo 2020. A intervistarlo il

Primo piano

Moni Ovadia e Dario Vergassola, al Teatro Comunale. Video

Maria Beatrice Crisci -Uno spettacolo-lezione, un incontro di culture e comicità diverse che farà ridere ma anche riflettere. Così succede che  Moni Ovadia – musicista, attore, scrittore – incontra l’umorismo un po’ cinico