San Francesco non fu il primo, è a Teano il presepe più antico

San Francesco non fu il primo, è a Teano il presepe più antico

Luigi Fusco

– Ancor prima della rappresentazione della natività di Greccio, il cui apprestamento si deve a San Francesco d’Assisi, è la raffigurazione presepiale di Teano, che, al momento, risulta essere la testimonianza epifanica più antica conosciuta al mondo. Trattasi di una opera musiva su marmo, di età tardo-imperiale, conservata presso il locale Museo Archeologico dell’Antica Sidicinum, in cui sono raffigurati i santi Pietro e Paolo posti affianco alla scena dell’Adorazione dei Magi.

Rinvenuto agli inizi del Novecento, nel corso degli scavi condotti presso un’antica necropoli, il mosaico stesso era parte integrante di una tomba. Dopo la sua scoperta, venne acquistato dall’allora direzione del Museo del Complesso Monumentale della Certosa di San Martino di Napoli, forse per essere collocato all’interno della sezione presepiale insieme alle altre raccolte di pastori di età medievale e moderna.

Per quanto l’opera si presenti mutila in alcune sue componenti ornamentali, sono abbastanza identificabili i soggetti ricordati. Nello specifico, la scena che desta maggiore curiosità è quella relativa all’adorazione dei re Magi; al di là della sua valenza iconografica, da intendersi primigenia nella sua natura compositiva. È interessante notare come l’intera raffigurazione in oggetto sia stata concepita secondo canoni stilistici afferenti a modelli pittorici e musivi di età imperiale: le toghe dei due apostoli, i preziosismi delle vesti della Madonna e del Bambino e, soprattutto, l’abbigliamento dei Magi concepito alla stessa stregua dei costumi indossati dalle popolazioni barbariche, dal berretto frigio ai pantaloni lunghi. Dagli studi effettuati, sia in passato sia in tempi recenti, è emerso che il mosaico era parte integrante del sepolcro di Geminia Felicita, discendente della gens Geminia.

Il tipo di soggetto scelto per la sepoltura ha suggerito, infine, la datazione dell’opera musiva, riferibile al IV secolo d.C., cioè al tempo del primo processo di cristianizzazione dell’intera area sidicina.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9784 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Ruviano, la Festa della cultura contadina nel borgo medievale

-Tre giorni fra delizie enogastronomiche e folklore a Ruviano, perla dell’alto casertano. Dal 18 al 20 agosto è in programma la Festa della Cultura Contadina che vedrà protagoniste le eccezionali

Primo piano

E-commerce: la rivoluzione del retail dopo il corona virus

Fabio Balato -L’Italia è da sempre considerata uno dei paesi europei dove l’e-commerce viene utilizzato meno dagli utenti, basti guardare le media degli acquisti online per rendersene conto: nel vecchio

Primo piano

Ludovica Russo, gli incastri imperfetti per l’incontro perfetto

Alessandra D’alessandro – Nella magnifica cornice di Palazzo Paternò a Caserta lunedì scorso si è tenuta la presentazione di “Incastri imperfetti”, il primo libro di Ludovica Russo, venticinquenne dottore in