San Giovanni e il numero 24. Tradizioni, alchimia e leggende

San Giovanni e il numero 24. Tradizioni, alchimia e leggende

Tiziana Barrella -Il 24 giugno, non solo nella tradizione cristiana, è la Festa di San Giovanni Battista, patrono di più di duecento comuni italiani. Tale ricorrenza è cara a molti studiosi delle antiche tradizioni, agli alchimisti, agli amanti della natura, dell’arte e agli appassionati di numeri. Le ore di una giornata sono 24, l’oro puro è 24 carati, nei tarocchi la ventiquattresima carta rappresenta la giustizia e la legge divina, il 24 è il numero atomico del cromo, il 24 in numerologia unifica il significato dei numeri che lo compongono ( 2-4 ) facendo riferimento all’equilibrio nella dualità, alla perfezione assoluta, ma anche alla concretezza. Il due è associato al perdono e alla comprensione, alle due polarità maschili e femminili, alla perseveranza ed alla umiltà. Nel linguaggio dei simboli il quadrato, composto appunto da quattro lati, possono ravvisarsi simbolicamente i quattro punti cardinali, i quattro elementi, i quattro mesi lunari, le quattro stagioni ed in genere la ciclicità della vita. Ma è anche il simbolo della giustizia per i pitagorici, della legge interiore; della stabilizzazione e dell’ancoramento. San Giovanni, amato fin dall’antichità, fu spesso rappresentato in opere artistiche, tra cui di straordinaria bellezza è il dipinto androgino  realizzato tra 1510 e il  1515 da Leonardo da Vinci e conservato al Museo del Louvre di Parigi. San Giovanni, noto agli esoteristi come il “San Giovanni d’estate” ( per distinguerlo dal san Giovanni Evangelista d’inverno festeggiato il 27 dicembre) è amatissimo; la sua vocazione profetica ( è l’ultimo profeta dell’Antico  Testamento) era già percepita prima ancora della nascita di Cristo poiché ne annunciò la sua venuta. E’ il primo apostolo di Gesù e colui che lo battezzò nel Giordano. La sua nascita, secondo la tradizione, è stata fissata il 24 giugno poiché deve essere  celebrata sei mesi prima rispetto a quella tradizionalmente fissata per il Cristo. Per festeggiare il Santo, riti antichissimi propiziatori ed inneggianti al solstizio d’estate venivano realizzati ed alcuni di essi, sono stati tramandati fino ai giorni nostri. Si accendevano falò  alimentati con i rami di sette alberi (quercia, frassino, pino, faggio, olmo, ontano, maggiociondolo) poiché si riteneva che la fiamma prodotta potesse in qualche modo, purificare la comunità e ricevere forza interiore e in ogni caso omaggiare il sole, fonte di vita. Ma a San Giovanni si raccoglievano e si raccolgono erbe come l’iperico ( con proprietà antidepressive ed antivirali) e altre erbe officinali;  la Guazza di san Giovanni, la rugiada che si posava durante la notte ed a cui erano attribuiti straordinari poteri taumaturgici; le noci con cui si produce il nocino. Con la rugiada si intingeva la verbena, pianta cara alle ninfe, con cui si consacravano le are e le sacerdotesse e  con cui le donne che desideravano avere un figlio effettuavano riti propiziatori.

About author

Tiziana Barrella
Tiziana Barrella 113 posts

Avvocato del Foro di Santa Maria Capua Vetere. Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Giuridico Italiano. Segue numerose attività formative per alcune Università italiane. Svolge docenza e formazione per enti pubblici, privati e università. Profiler e studiosa di criminologia e psicologia comportamentale, nonché specializzata già da anni, nello studio della comunicazione non verbale e del linguaggio del corpo, con una particolare attenzione rivolta al significato in chiave criminologica delle azioni eterolesive ed autolesive, necessarie per la redazione di un profiling.

You might also like

Spettacolo

Itis Buonarroti, in viaggio con Troisi alla ricerca delle radici

Emanuele Ventriglia -L’Itis Buonarroti di Caserta celebra un grande attore. In viaggio con Massimo Troisi alla ricerca delle radici del nostro presente. E’ questo l’evento in programma per domani giovedì

Comunicati

Il nuovo Pei. Serpico: successo per il seminario Andis online

Grande successo ha registrato l’iniziativa di formazione “il nuovo Pei, indicazioni operative”, organizzato dal Presidente Regionale dell’ANDIS Pasquale La Femmina, coordinato dalla responsabile regionale per la formazione, Antonella Serpico.Hanno seguito

Primo piano

Sarà la Porta del Sud, la firma prestigiosa è di Zaha Hadid

(Mario Caldara) – Sarebbe difficile, se non impossibile, dimenticare Zaha Hadid. Si dice che chi fa cose belle in vita, sopravviva alla morte attraverso il ricordo indelebile lasciato nei cuori