San Giovanni e il numero 24. Tradizioni, alchimia e leggende

San Giovanni e il numero 24. Tradizioni, alchimia e leggende

Tiziana Barrella

– Il 24 giugno, non solo nella tradizione cristiana, è la Festa di San Giovanni Battista, patrono di più di duecento comuni italiani. Tale ricorrenza è cara a molti studiosi delle antiche tradizioni, agli alchimisti, agli amanti della natura, dell’arte e agli appassionati di numeri.

Le ore di una giornata sono 24, l’oro puro è 24 carati, nei tarocchi la ventiquattresima carta rappresenta la giustizia e la legge divina, il 24 è il numero atomico del cromo, il 24 in numerologia unifica il significato dei numeri che lo compongono ( 2-4 ) facendo riferimento all’equilibrio nella dualità, alla perfezione assoluta, ma anche alla concretezza. Il due è associato al perdono e alla comprensione, alle due polarità maschili e femminili, alla perseveranza ed alla umiltà. Nel linguaggio dei simboli il quadrato, composto appunto da quattro lati, possono ravvisarsi simbolicamente i quattro punti cardinali, i quattro elementi, i quattro mesi lunari, le quattro stagioni ed in genere la ciclicità della vita. Ma è anche il simbolo della giustizia per i pitagorici, della legge interiore; della stabilizzazione e dell’ancoramento.

San Giovanni, amato fin dall’antichità, fu spesso rappresentato in opere artistiche, tra cui di straordinaria bellezza è il dipinto androgino  realizzato tra 1510 e il  1515 da Leonardo da Vinci e conservato al Museo del Louvre di Parigi. San Giovanni, noto agli esoteristi come il “San Giovanni d’estate” ( per distinguerlo dal san Giovanni Evangelista d’inverno festeggiato il 27 dicembre) è amatissimo; la sua vocazione profetica ( è l’ultimo profeta dell’Antico  Testamento) era già percepita prima ancora della nascita di Cristo poiché ne annunciò la sua venuta.

E’ il primo apostolo di Gesù e colui che lo battezzò nel Giordano. La sua nascita, secondo la tradizione, è stata fissata il 24 giugno poiché deve essere  celebrata sei mesi prima rispetto a quella tradizionalmente fissata per il Cristo. Per festeggiare il Santo, riti antichissimi propiziatori ed inneggianti al solstizio d’estate venivano realizzati ed alcuni di essi, sono stati tramandati fino ai giorni nostri. Si accendevano falò  alimentati con i rami di sette alberi (quercia, frassino, pino, faggio, olmo, ontano, maggiociondolo) poiché si riteneva che la fiamma prodotta potesse in qualche modo, purificare la comunità e ricevere forza interiore e in ogni caso omaggiare il sole, fonte di vita. Ma a San Giovanni si raccoglievano e si raccolgono erbe come l’iperico ( con proprietà antidepressive ed antivirali) e altre erbe officinali;  la Guazza di san Giovanni, la rugiada che si posava durante la notte ed a cui erano attribuiti straordinari poteri taumaturgici; le noci con cui si produce il nocino. Con la rugiada si intingeva la verbena, pianta cara alle ninfe, con cui si consacravano le are e le sacerdotesse e  con cui le donne che desideravano avere un figlio effettuavano riti propiziatori. Con le erbe officinali tra cui la salvia, la lavanda e il rosmarino, venivano effettuati dei sacchettini in lino o comunque tessuto naturale, che veniva apposto sotto il cuscino per favorire un buon sonno.

San Giovanni d’ Estate inneggia il sole è il giorno più lungo dell’anno, ma  segna al contempo l’inizio della fase discendente della luce; il San Giovanni d’Inverno, il più giovane degli apostoli, caratterizza la notte più lunga e l’inizio della fase ascendente della luce. Sono considerati come i santi simboleggianti in qualche modo i due solstizi ( per quanto si festeggino non precisamente nei giorni tipicamente dedicati) i due capisaldi quasi  come i due portali, le due colonne che sorreggono i pilastri del mondo. I due santi hanno assunto l’importanza del  ruolo attribuito nell’antica Roma ad una delle divinità maggiormente sentite e dedicata al dio Giano Bifronte, il dio degli inizi, delle porte e dei passaggi la divinità con due volti che guarda al passato ed al futuro.

A San Giovanni è dedicato anche l’ordine degli omonimi  Cavalieri conosciuti anche come i Cavalieri di Malta. Il 24 giugno si festeggia anche la nascita della Massoneria, nel 1717 infatti le quattro logge londinesi costituirono la Grande Loggia di Inghilterra; la tradizione vuole che in questa data sia nata anche la massoneria speculativa, più filosofica, che si distinse da quella operativa medievale. 

About author

You might also like

Primo piano 0 Comments

E quindi uscimmo a riveder le stelle…oggi si celebra il Dantedì

Maria Beatrice Crisci – «E quindi uscimmo a riveder le stelle». Così Dante Alighieri conclude l’ultimo canto dell’Inferno della Divina Commedia. È la fine del tunnel, la fine di un

Primo piano 0 Comments

Buona Befana da Ondawebtv, nella calza #lenotizieinpositivo

Maria Beatrice Crisci – Nella calza del #cultwebmag made in Caserta ci sono #lenotizieinpositivo di ogni giorno.  Ondawebtv continuerà anche per questo anno a fare giornalismo culturale e informazione di prossimità,

Editoriale 0 Comments

Pompei: concerti, nuovi reperti e malumori

(Mario Caldara) – Pompei ultimamente dà l’impressione di essere l’epicentro di tante cose. Si può – senza alcun dubbio e senza rischiare di indignare qualcuno – considerarla come un polo

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply