San Silvestro, una notte sul Monte Tifata con i canti augurali

San Silvestro, una notte sul Monte Tifata con i canti augurali

Luigi Fusco

ph. Giuseppe Vozza

Santu Servieste, ca’ nuje cantamme prieste, Santu Servieste, ca’ nuje cantammo buono, ogge è calanne e dimane è ʽo prime ‘e ll’anne. Sono le parole iniziali dell’inno di San Silvestro, canzone augurale, di origine popolare, che ancora viene eseguita dai “musicanti” presso le case di privati che vivono sia in alcune località del circondario tifatino di Caserta che nell’entroterra della sua provincia.

Incerta è la sua origine. Sicura, invece, è la sua funzione apotropaica, cioè il portare il buon auspicio per l’anno venturo e allontanare il malocchio; non a caso, la tradizione vuole che la si suoni il 31 dicembre, giorno rispondente al dies natalis di San Silvestro. Annoverato come 33esimo vescovo di Roma, la cui elezione avvenne nel 314, partecipò, nel 325, al concilio di Nicea, dove venne approvato il Credo. Fra le varie leggende che lo riguardano, c’è quella della conversione al cristianesimo di Flavia Giulia Elena, madre di Costantino I. Nel corso di una discussione tra l’imperatrice e alcuni rabbini, intervenne Silvestro che compì un miracolo: davanti ai presenti fece risorgere un toro, dichiarando, poi, che il suo Dio non uccideva, ma resuscitava. Di certo, con lui si ebbe la conversione di massa dei pagani di Roma alla religione cristiana, così come sotto il suo governo pastorale venne organizzato e strutturato tutto l’apparato ecclesiastico dell’urbe, ormai caratterizzato dalla presenza di numerose basiliche, oratori e luoghi di culto dedicati ai primi martiri. Dopo la sua morte, San Silvestro venne anche consacrato patrono dell’ordine cavalleresco della Milizia Aurata o dello Speron d’Oro, la cui fondazione pare risalirebbe all’imperatore Costantino.

San Silvestro papa

La sua tomba, infine, divenne meta per numerosi pellegrini desiderosi di assistere a prodigi da interpretare come segni augurali per il proprio futuro. Al riguardo, sono rimasti gli auspici “silvestriani”, la cui tradizione viene tuttora rispettata; come, ad esempio, l’indossare un vestito di colore rosso, cromia che veniva scelta per un qualsiasi tipo di abbigliamento anche durante l’impero romano, poiché era considerata un elemento di buon augurio per la fertilità della terra, della donna e dell’uomo. Pertanto, come recita il brano di San Silvestro, per questo 2021, ormai alle porte, cantiamo e all’aurammo a tutte le famiglie che nelle proprie case non ci siano pericule e guaje, ma tanta felicità, perché la festa è santa e santa la signoria, Dio ce la cresce ‘ sta bella compagnia, crisce ‘e criscenza ‘e facenne chilli sciusce ca’ tutte ce canusce.

Luigi Fusco – Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6906 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Aperitivo all’Esagono, progetti per l’estate. Parola di architetti

Maria Beatrice Crisci – Un aperitivo d’estate “fuori dalle righe” tra design e musica in un luogo d’eccezione qual è il Concept Store Esagono di Caserta, lo spazio dedicato alla

Arte

Settembre al Borgo, a Pozzovetere mostra d’arte e guitar set

Luigi D’Ambra – Il Settembre al Borgo incontra l’arte contemporanea. Fino a mercoledì 6 settembre nella chiesa del Santissimo Sacramento di Pozzovetere saranno in esposizione le opere di Rosa Arbolino,

Primo piano

Napoli Teatro Festival. Al Civico 14 prova aperta per Radici

Maria Beatrice Crisci  – Nell’ambito di Napoli Teatro Festival a Caserta, domani al Teatro Civico 14 ore 21, è prevista la prova aperta di Radici, laboratorio sulla pratica scenica rivolto a giovani allievi attori.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply