Sant’Antuono e la Festa della Pastellessa, tra fuochi e bottari

Sant’Antuono e la Festa della Pastellessa, tra fuochi e bottari

Luigi Fusco

– Seppur in forma limitata e in osservanza delle prescrizioni anti-covid, tra sabato e domenica prossima, 16 e 17 gennaio, a Macerata Campania si svolgeranno le solennità in onore di Sant’Antonio abate. ‘A fest ‘e Sant’Antuono, questo il titolo della manifestazione, il cui cartellone prevede sia appuntamenti sacri che profani. Protagonisti di quest’edizione saranno il sito www.santantuono.it e le pagine dei social network allestite in occasione della stessa festa.

Le celebrazioni hanno inizio oggi giovedì, con una mostra on-line e una diretta web con i protagonisti della festa. Ancora via internet sarà possibile seguire anche gli incontri di domani venerdì, con la consegna del premio Historia Loci. Sabato 16, invece, ci sarà il primo evento in presenza: presso la piazza principale di Macerata Campania si terranno i laboratori di Pastellessa dedicati ai giochi tradizionali e le degustazioni del tipico piatto di past’ e ‘llessa. Alle 21, poi, ci sarà un meeting on-line in cui si discuterà di salvaguardia e di valorizzazione della festività di Sant’Antuono. Domenica 17 sarà la volta della sfilata del carro tipico di Sant’Antuono per le strade della cittadina maceratese, inoltre si terrà l’esibizione della classica Battuglia di Pastellessa a porte chiuse. Sarà proprio quest’ultima kermesse a tenere banco, in quanto i principali attori saranno i bottari.

Botti, tini e falci sono i loro principali strumenti, le cui origini sono antichissime. Il loro impiego dal punto di vista musicale è strettamente connesso alle tradizioni contadine; questi sono, difatti, attrezzi realizzati per lo svolgimento di attività legate alla campagna. Con il passar del tempo, si è scoperto che attraverso il loro utilizzo ne veniva fuori un rumore, assimilabile comunque a un suono, da cui era possibile far emergere una vera e propria composizione musicale. Da tali componimenti è stato, poi, coniato il termine “pastellessa”, che, a quanto pare, ha una valenza apotropaica: il suono prodotto dai rudimentali strumenti contadini serviva, infatti, ad allontanare gli spiriti maligni dalle case, specialmente dalle cantine o dalle stalle. Le esibizioni dei bottari, inoltre, rispondevano a dei rituali ben precisi, concepiti in maniera propiziatoria per celebrare la fertilità della terra a seguito del ritorno della luce, intesa dal punto di vista astronomico, che si manifesta, simbolicamente, attraverso il fuoco purificatore dei falò accesi in onore del santo.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7292 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura 0 Comments

Ti ci porto io… a Carinola! Capolavori nella Basilica di Ventaroli

Luigi Fusco ph Ivano Iannelli – Quarto appuntamento, domenica 25 aprile, sui canali social e YouTube di Ondawebtv con la rubrica “Ti ci porto Io”, un viaggio alla scoperta delle

Primo piano 0 Comments

Primo maggio a Teano con Cgil, Cisl e Uil

Cgil, Cisl e Uil di Caserta celebrano unitariamente il Primo Maggio, Festa internazionale del Lavoro con un’iniziativa di confronto e di dibattito che si terrà a Teano con inizio alle

Primo piano 0 Comments

Skin open day, caccia ai tumori della pelle dei dermatologi Lilt

Maria Beatrice Crisci – Venti le visite gratuite nell’ambito del secondo Open Day di giugno dei tumori cutanei che si è tenuto oggi 26 giugno. L’iniziativa, ospitata presso il Centro

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply