Sant’Apollonia patrona dei dentisti, le raffigurazioni casertane

Sant’Apollonia patrona dei dentisti, le raffigurazioni casertane

Luigi Fusco

– Per quanto il suo nome non sia particolarmente diffuso, Apollonia, il cui dies natalis cade il 9 febbraio, è tra le sante più importanti della Chiesa cristiana. Nativa di Alessandria, vissuta nel terzo secolo, per le sue opere di apostolato verso i più poveri subì un cruento martirio: le vennero divelti tutti i denti con una tenaglia. Nonostante tale atroce supplizio, riuscì a liberarsi dai propri aguzzini, ma preferì lanciarsi nel fuoco che era stato già acceso per mandarla al rogo. Il suo non fu un suicidio, ma una morte voluta per far sì che la sua castità non venisse violata. Il suo culto iniziò a diffondersi abbastanza presto, sia in Oriente che in Occidente. Contestualmente, cominciarono a circolare anche i resti dei suoi denti e pertanto le venne attribuito il patronato ai medici dentisti, tuttora in essere, e l’invocazione contro i mal di denti.

La fortuna agiografica di Apollonia andò oltre l’immaginario, tanto che, solo in Italia, circolavano più di 100 sue reliquie ex dentibus a fronte dei canonici 32 denti che ha ogni essere umano.

Papa Pio VI, nel 1775, volle mettere ordine alle sacre spoglie della santa, eliminando tutto ciò che risultava essere falso. Fece raccogliere molte delle sedicenti reliquie a lei attribuite per, poi, collocarle in uno scrigno che risultò pesare ben 3 chili. Successivamente questo baule venne gettato nel Tevere. La devozione nei confronti di Apollonia è presente anche in provincia di Caserta: a Caiazzo, dove vi è un’apposita confraternita, a Santa Maria a Vico, con una cappella intitolata, a Capua e, infine, nella frazione di Casolla di Caserta. In queste due ultime località sono presenti, una per parte, opere pittoriche, datate alla seconda metà del Settecento, in cui è raffigurata Apollonia.

Nella cittadina capuana, il dipinto si trova all’interno della chiesa di San Domenico. In questo quadro, la santa è messa in primo piano mentre subisce il martirio, compaiono, difatti, un torturatore le cava i denti con una grossa tenaglia e un altro losco figuro che le lega i polsi. Sul suo capo vi è un angelo che conduce una corona di gigli e la palma del martirio, ai suoi piedi, invece, è presente un’altra figura angelica che raccoglie i suoi denti. Ben diversa è l’iconografia dell’affresco presente a Casolla, nello specifico all’interno della chiesa di San Rufo. La martire è rappresentata con in mano la tenaglia che stringe uno dei suoi denti, contestualmente mostra il proprio attributo alla figura femminile che le sta vicino, ovvero Matrona, santa invocata contro i mal di pancia nonché patrona della cittadina di San Prisco.

About author

Luigi Fusco
Luigi Fusco 153 posts

Luigi Fusco - Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

You might also like

Cultura

A Sant’Arpino arriva “Zucchero Amaro” di Enrica Romano

A Sant’Arpino nuovo appuntamento della rassegna letteraria “Sulle Orme del Cantor d’Enea”. Domenica prossima 30 ottobre, nel suggestivo scenario del seicentesco Palazzo Ducale “Sanchez de Luna”, si terrà un incontro

Attualità

Caserta, patto per la ricerca tra Ospedale e SHRO Philadelphia

Maria Beatrice Crisci  per Ondawebtv  – «C’è bisogno di un approccio serio e multilivello, che integri le azioni politiche, l’educazione alla salute e un efficiente sistema sanitario». A dirlo è stato il

Attualità

Note di solidarietà a Casertavecchia. Il concerto di Natale

(Beatrice Crisci) – “Aggiungi una nota a tavola” è questo il titolo del Concerto di Natale organizzato per il 10 dicembre alle ore 19 nel Duomo di Casertavecchia. L’evento che sarà

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply