Sara Lubrano, un talento femminile nel Tesoro di San Gennaro

Sara Lubrano, un talento femminile nel Tesoro di San Gennaro

(Claudio Sacco) – L’associazione EnterprisinGirls presenta Sara Lubrano, la prima donna artista-artigiana vivente la cui opera-gioiello viene ritenuta degna, dalla Eccellentissima Deputazione della Cappella del Tesoro di San Gennaro, di entrare a far parte della collezione ed essere esposta nel Museo che la contiene, la prima del XXI secolo. Tanto verrà reso ufficiale nel corso di una conferenza stampa nel Duomo partenopeo venerdì 24 febbraio alle ore 10,30. Suggestivo il titolo: “Il talento tesoro di Napoli”. Introdurrà l’incontro Riccardo Imperiali di Francavilla della Deputazione, interverranno il direttore del Museo Paolo Jorio, la designer di gioielli artigianali Sara Lubrano e la presidente dell’associazione EnterprisinGirls Francesca Vitelli.

Su 21.610 opere che compongono il Tesoro – si legge in una nota diffusa alla stampa – sarà l’unico gioiello realizzato da una donna a essere visibile nel museo. Per la prima volta l’associazione EnterprisinGirls, che individua e valorizza il talento di imprenditrici, libere professioniste e donne del terzo settore, ha presentato un bozzetto di una giovane artista napoletana ritenuto dalla Deputazione ”Quel modello di sviluppo di bravura e di creatività, patrimonio dell’identità e dei valori di oggetti che rappresentano i luoghi”.

Sara Lubrano ha realizzato un’opera di 13 x 10 cm con l’antica tecnica della microscultura a cera persa. Una preziosa mitra che riprende elementi dell’iconografia classica: le ampolle che contengono il sangue del santo, tralci d’uva, rose, la chiave del tesoro e lo stemma della città di Napoli. Coralli, smeraldi e rubini incorniciano la scritta “jesce e facci grazia” in un gioiello che celebra l’affetto e il legame dell’artista per la sua città e per la tradizione orafa che risale al Trecento, quando una donna, la regina Giovanna I d’Angiò, concesse alle botteghe artigiane del Borgo orefici il riconoscimento ufficiale.

È un’opera disegnata e realizzata artigianalmente che rappresenta e suggella un momento epocale: la prima donna artista napoletana vivente riconosciuta meritevole dalla Deputazione di entrare a far parte, con il suo lavoro, del famoso Tesoro di San Gennaro.

“La nostra gioia è grande – dice la presidente di EnterprisinGirls Francesca Vitelli – perché oggi presentiamo un talento, quello di Sara Lubrano, in un luogo simbolicamente potente ed evocativo come il Museo del Tesoro di San Gennaro. Il nostro scopo è individuare il talento e valorizzarlo e oggi, dopo un lungo e impegnativo percorso intrapreso con la Deputazione e il Museo, presentiamo l’opera di una giovane artista che rende omaggio alla sua città”.

Altrettanta gioia si avverte nelle parole dell’artista-artigiana Sara Lubrano “È stato un onore realizzare un gioiello da donare alla mia città, una prova professionale impegnativa per esaltare la storia, l’identità e la passione di un’antica arte che ho scelto come lavoro. Una scelta che rinnovo ogni giorno e che oggi mi gratifica enormemente nel vedere una mia opera esposta nel museo del Tesoro di San Gennaro. Un traguardo possibile, questo, grazie al lavoro di squadra che facciamo con EnterprisinGirls di cui sono una convinta fondatrice. Da sole si cammina più spedite ma si arriva meno lontano”.

Sara Lubrano nasce a Napoli 31 anni fa. Consegue la laurea triennale in Economia e Commercio all’Università Parthenope di Napoli e studia all’Accademia delle Arti orafe di Roma dove si appassiona, tra le varie tecniche di creazione del gioiello, alla modellazione della cera. La fusione a cera persa, tecnica scultorea originariamente introdotta nell’età del bronzo, ha conosciuto un notevole sviluppo soprattutto nell’arte greca e romana e nella scultura monumentale. Pompei ed Ercolano raccontano di manufatti per uso quotidiano e di monili. È una tecnica oggi usata solo da pochissimi artigiani che custodiscono un sapere antico e una tradizione di bellezza che si esprime attraverso pezzi unici realizzati a mano al banco da lavoro. Sara Lubrano, dopo aver lavorato con maestri artigiani napoletani, ha mosso i primi passi realizzando gioielli su suo disegno originale e nel 2009 ha aperto, a Napoli, un negozio-laboratorio in vicoletto Belledonne dove ogni giorno cesella la bellezza.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7467 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Il Settecento nel cuore, il Premio Cimarosa va a Ivano Caiazza

Maria Beatrice Crisci – Al maestro Ivano Caiazza il Premio Internazionale Cimarosa. L’evento, giunto alla settima edizione, si è tenuto sabato sera nella splendida cornice del Chiostro di San Francesco

Spettacolo 0 Comments

Ars et Vita, la chiusura è con le “napoletane” di Gino Licata

Enzo Battarra E venne il giorno di Gino Licata. Sarà il cantautore casertano a chiudere la rassegna Ars et Vita al Belvedere di San Leucio oggi domenica 4 luglio alle

Attualità 0 Comments

Un treno che si chiama Reggia. Signori in carrozza si parte

(Enzo Battarra) – Mauro Felicori è così, è il numero uno dei direttori italiani. E Artribune è una struttura dedicata all’arte che non si può permettere errori. Se per loro è il

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply