Senso Viviani, omaggio in foto musica e poesia al grande commediografo

Senso Viviani, omaggio in foto musica e poesia al grande commediografo

Raffaele Viviani rivive con “Senso Viviani”, l’originale progetto che intreccia fotografia, musica/poesia, gastronomia, ideato dal poeta e scrittore Gianni Valentino e promosso da Scabec per celebrare il grande commediografo, attore, poeta e regista napoletano a 70 anni dalla scomparsa (1950). Inaugurazione domani venerdì 31 luglio alle 11.30 nell’Ipogeo del Complesso Museale Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco (via dei Tribunali, 39) con l’istallazione fotografica omonima “Senso Viviani” a cura del fotografo Luciano Ferrara e dell’associazione Noos e l’intervento delcuoco Mario Avallone. 

L’accesso è consentito per gruppi di venti persone alla volta, ultimo ingresso alle 13. Nell’allestimento fotografico si potranno ammirare decine di ritratti, primi piani, documenti scenici, avventure teatrali-cinematografiche-musicali del talento vesuviano. Una antologia di oltre 40 immagini che riassume i cosiddetti tipi, che il drammaturgo ha incarnato fisicamente in palcoscenico. In esposizione anche negativi preziosi e le carte di baule custoditi per lunghi anni e che ora trovano luce nuova. Tutto il materiale fotografico ha avuto l’approvazione degli eredi per l’esposizione ed è trattodall’Archivio storico famiglia Viviani – Archivio fotografico Ferrara. Il cuoco Avallone, appassionato dei versi di Viviani, esprimerà la simbiosi tra pagina scritta e percezione del gusto, assecondando i sapori e i cibi che lo stesso Viviani citava in rima e in canzone.

“Senso Viviani”, che vuole riportare al popolo la produzione poetica del maestro autore di “Tuledo ‘e notte”, “La musica dei ciechi”, “Festa di Piedigrotta”, “I dieci comandamenti”, proseguirà fino all’11 ottobre con un mosaico di perfomance artistiche che vedranno alternarsi, negli spazi allestiti della mostra, tre set musicali in formazione da duo: Dolores Melodia con Ciro Riccardi (a fine agosto); Mauro Gioia con Gianluca Rovinello (a inizio settembre); Peppe Lanzetta con Giglio (a ottobre). E ancora otto reading ritmici e melologhi dalle antiche liriche di Viviani, con Gianni Valentino in voce recitante solista e in duo con il musicista Alfredo Cesarano alle corde.

Raffaele Viviani non ha avuto il passepartout televisivo di Eduardo De Filippo, – spiega Gianni Valentino – non ha potuto beneficiare del testamento cinematografico di Totò. Viviani è tutt’ora un patrimonio vergine. Inesplorato. Mistificato. Una dote eruttiva e silente della cultura di Napoli e della Campania che resiste sotterranea nei labirinti emozionali e intellettuali di coloro che non si accontentano del panorama artistico ufficiale e sbraitato. Viviani è il popolo che lotta ogni giorno, che per condizione del variété si inventa mestieri e dignità. È la gente che – grintosa – ha imparato a campare con la sua faccia in primo piano, con la sua lingua in palmo di mano. Perché Viviani quella lingua la fa corpo e pane e sangue. Occhi e sorriso, pianto e torace, corteggiamenti soavi e prostituzione. Lingua anti-demagogia e anti-propaganda”.

L’ipogeo – dichiara Francesca Amirante, curatore del Complesso del Purgatorio ad Arco – accoglie “naturalmente” l’omaggio a Viviani: i tanti personaggi del suo teatro e della sua musica si troveranno certamente bene tra le “anime pezzentelle” custodite nel Purgatorio ad Arco perché ne condividono storie e destini. Un’occasione importante per ribadire la vitalità del Complesso museale dopo la lunga chiusura”.

Il progetto “Senso VIVIANI” era in programma il 22 marzo, data della scomparsa di Raffaele Viviani, ma il lockdown ha impedito la realizzazione che finalmente ora può iniziare tenendo conto delle normative per le misure anti-Covid19. La mostra fotografica resterà visitabile sino al giorno 11 ottobre 2020. Orari di agosto: dalle 10 alle 14 (lun-ven), il sabato dalle 10 alle 17, domenica chiuso. Nei mesi successivi, in relazione ai dati della pandemia COVID, verranno comunicati gli orari pomeridiani.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7013 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Genius Loci di Ttozoi, operazione muffa alla Reggia di Caserta

Maria Beatrice Crisci – Presentato nella Reggia di Caserta il progetto Genius Loci del duo Ttozoi ovvero gli artisti Stefano Forgione e Giuseppe Rossi, entrambi di Avellino. Curatore Gianluca Marziani. L’iniziativa ha il patrocinio del

Cultura

Natale di Gusto. Al Comunale apre Edoardo Bennato

Sarà il concerto di uno dei più importanti ed amati cantautori italiani il primo evento di grande richiamo in programma nell’ambito della manifestazione “Natale di Gusto”, il cartellone di eventi

Primo piano

Caserta, al Civico14 Don Chisciotte vive uno spirito dionisiaco

Marco Cutillo – È raro che si scendano scale per entrare in Paradiso, eppure capita. Il vento arruffa i capelli e disperde i cappelli, mentre i più furbi si rifugiano al

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply