Serata al Foyer con Tullio Pizzorno. Ecco la Caserta musicale!

Serata al Foyer con Tullio Pizzorno. Ecco la Caserta musicale!

Maria Beatrice Crisci

– «Questa città esprime tanti talenti. La nostra città è un concentrato di qualità. Con Tullio Pizzorno c’è una conoscenza storica, mi fa piacere averlo qui, ma soprattutto mi fa piacere che abbia scelto musicisti del territorio di altrettanta qualità. Bravi Donato Tartaglione e Gianni Genovese a ospitare un concentrato della cultura casertana». Così l’assessore alla Cultura del Comune di Caserta Enzo Battarra poco prima dell’evento musicale al Foyer del Teatro Comunale che ha avuto come protagonista Tullio Pizzorno. Con lui sul palco allestito nel foyer nomi del panorama musicale casertano di grande qualità. Enzo Faraldo, Lello Petrarca, Gino D’Ignazio e Aldo Fucile. Una splendida serata in cui il cantautore Tullio Pizzorno ha riproposto parte del suo repertorio musicale. Pizzorno scrive musica, testi e arrangiamenti delle sue canzoni, che sono state incise da importanti nomi del panorama internazionale e italiano, una fra tutti Mina. Il suo non è un genere musicale predefinito, ma “canzone d’autore”, amore per la melodia italiana spesso influenzata da funk, jazz e sapori oltreoceano.

La rassegna “Serate al Foyer” è stata organizzata dalla GenoveseManagement con la direzione artistica di Donato Tartaglione, in collaborazione con il Teatro Pubblico Campano e il Comune di Caserta. Questa prima rassegna di quattro giorni ha consacrato il Foyer del Teatro Comunale Parravano di Caserta come spazio culturale e creativo riconquistato alla città. «Non finisce qui», ha annunciato Gianni Genovese. A breve dunque novità dal collaudato sodalizio Genovese-Tartaglione. La serata è stata arricchita da una degustazione di vini offerti dall’azienda Marra winery.

L’ultimo appuntamento è per stasera (domenica 15 maggio) con i Meglio Soul, ovvero Sandro Ferrara (percussions), Enzo Anastasio (alto & soprano sax), Federico Luongo (guitar), Toto Allozzi (piano & key) e Domenico de Marco (batteria). 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8438 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Il Consorzio di Tutela della Mozzarella fa formazione

Claudio Sacco – Il Consorzio di Tutela della Mozzarella di bufala campana Dop ora farà scuola. Infatti, domani 21 giugno sarà presentata la Scuola nazionale di formazione lattiero casearia, unica

Comunicati 0 Comments

Gladiatori, al Mann la presentazione della mostra digitale

Claudio Sacco – E’ per mercoledì 31 marzo alle ore 11 sarà la presentazione digitale della mostra “Gladiatori“, che sarà visibile dalla riapertura del MANN sino al 6 gennaio 2022. All’evento

Primo piano 0 Comments

VolAlto Caserta al torneo della Lega Volley Summer Tour 2016

Ci sarà anche la VolAlto Caserta tra le sei protagoniste del Lega Volley Summer Tour 2016, il torneo di Sand Volley 4×4 che combina il grande spettacolo della pallavolo femminile di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply