Sessa Aurunca. i Misteri del Venerdì Santo

Sessa Aurunca. i Misteri del Venerdì Santo

Augusto Ferraiuolo    A Sessa Aurunca, quelli dal Lunedì Santo alla Pasquetta sono probabilmente i sette giorni più importanti dell’anno. Ma il momento culminante è senza dubbio la processione dei Misteri del Venerdì Santo, organizzata dall’Arciconfraternita del SS. Crocefisso Nella Chiesa di san Giovanni a Villa, centinaia di persone si alternano a rendere omaggio ai Misteri, le statue scolpite da artigiani locali tra la fine del Seicento e l’inizio del Settecento che rappresentano varie scene della Passione e della morte di Gesù. Al tramonto, la banda cittadina darà il primo segnale, intonando una marcia funebre. I confratelli cominciano ad uscire dalla chiesa, formando le due file che segneranno il passaggio della processione. Ma sulla soglia si fermano tre figure incappucciate; ed ecco che, amplificato dal vano del portone, si leva il canto del Miserere. Il testo è quello del Salmo di Davide; la musica, una polifonia che ha pochissimi riscontri nella musica popolare. La melodia intonata dalle tre voci (alta, media e grave), i cambi di tono, i ritardi, gli attacchi e le conclusioni, si susseguono secondo uno schema del tutto originale nell’intero panorama della musica occidentale. Dopo il canto, dalla chiesa escono le statue dei Misteri. I confratelli le portano a spalla con un caratteristico passo ondeggiante, detto in dialetto “a cunnulella” perché ricorda il movimento del cullare. Strette attorno alla statua che rappresenta le Tre Marie seguono le donne, alluttate e scauze, cioè scalze e vestite a lutto, per rispettare un voto. Recitano senza sosta le loro preghiere e portano dei grossi ceri che arderanno per tutta la processione e verranno poi donati alla Madonna. Il buio domina la processione. Sono neri anche gli abiti rituali, persino quelli da angelo indossati dai bambini: tutto deve esprimere il lutto per la morte di Gesù. Ma all’improvviso, le tenebre vengono squarciate da grandi falò, i carraciuni, che ardono in precisi punti della città, simbolo della speranza nella resurrezione del Cristo. Solo dopo molte ore i Misteri tornano nella chiesa. Intorno alle statue i fedeli si alternano per prendere un pezzo delle candele votive donate dalle donne e un ramoscello della ruta deposta assieme alle camelie vicino al Cristo Morto. La pianta, nota per le sue proprietà medicinali (“a ruta ogni male stuta”, dice un proverbio locale), sarà conservata e usata per il resto dell’anno. È il momento dei commiati: come ogni anno, la comunità dei fedeli si è ricongiunta a Dio. Ed è questo il significato ultimo dello splendido rituale di Sessa Aurunca.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7501 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Editoriale 0 Comments

L’anno scorso a Caserta, strips in Reggia e lirica al Belvedere

Enzo Battarra – L’anno scorso a Caserta il 21 luglio. Nel 2018 sabato 21 luglio alle ore 18 negli Appartamenti Storici del Palazzo Reale si inaugurava “Gul: il cuore delle cose”, l’albo a

Cultura 0 Comments

Sotto il vulcano, riaprono la Villa di Poppea e i siti archeologici

Luigi Fusco – Anche per i siti archeologici dell’area vesuviana è giunta l’ora della riapertura. A partire da lunedì 3 maggio saranno nuovamente visitabili la Villa Regina a Boscoreale, la

Primo piano 0 Comments

Festa dei Musei. Sul web anche il Mann con post, foto e video

Torna la Festa Internazionale dei Musei, l’International Museum Day. L’appuntamento sarà rigorosamente social lunedì 18 maggio per valorizzare i luoghi della cultura. Se il tradizionale rito della Notte Europea dei

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply