Sorrento, a Villa Fiorentino i colori dell’anima di Marc Chagall

Sorrento, a Villa Fiorentino i colori dell’anima di Marc Chagall

Mario Caldara

– Sorrento è una cornice adatta a molte cose belle. Sarà quel mare, sarà la vista, saranno le viuzze che attraversano la città, i ristoranti, la musica, gli odori. Sorrento dà una forte sensazione di identità, di caratteristico, di irripetibile. Sorrento, specie d’estate, è vita. Solamente guardandola, dà l’impressione di esser stata scolpita o dipinta da un artista. Sembra quasi espressione della natura stessa.

Con la mostra di Marc Chagall, in corso fino al 15 novembre a Villa Fiorentino sul corso Italia, Sorrento fa da palcoscenico illustre per l’artista franco-bielorusso e i suoi capolavori. I colori dell’anima, nome della mostra, presenta al pubblico centoventi opere di Chagall, di cui almeno venti sono realizzate con varie tecniche, l’olio su tela, gouache su carta, disegni a matita colorata o inchiostri di china su masonite. La mostra conta anche tre cicli, tra litografie e acqueforti, per cento opere grafiche e, in più, un’area multimediale che impreziosisce il percorso artistico di Chagall, grazie alla quale ci si può lasciare abbagliare dalle splendide vetrate multicolori di destinazione ecclesiastica realizzate dall’artista stesso.

Tra le opere presenti alla mostra, importantissime è La cruche aux fleurs, olio su tela del 1925, caratterizzata dalla tematica floreale, elemento costante di tutta la vita del maestro. C’è Russian village, olio su tela del 1929, in cui il paese natale dell’autore ricopre un ruolo estremamente centrale, un connubio tra una visione poetica e una realista. Le Coq Violet, che risale al periodo tra il 1966 e il 1972, fa della tecnica mista – olio, gouache e inchiostro di china su tela – la sua particolarità e non a caso è considerata tra le opere più rappresentative all’interno della produzione di Chagall nel periodo di piena maturità artistica. Anche L’homme rouge à la casquette, che risale al 1976, è un’opera fortemente caratterizzata dalla tecnica mista, ma anche da temi cari all’artista, quali i soggetti animali e sottili tematiche religiose.

La realizzazione della mostra I colori dell’anima è stata possibile grazie alla collaborazione con la Imago Art Gallery di Lugano, grazie alla quale Sorrento ha potuto accogliere una collezione di questa caratura, tra opere pittoriche e grafiche. Villa Fiorentino, dal canto suo, non è nuova a eventi simili, avendo già ospitato in passato personalità di spessore mondiale, proprio come Chagall, uno degli artisti più influenti del ventesimo secolo.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8916 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Somma Vesuviana.Teatro Summarte, in scena Song Single

-Sabato 29 (alle ore 21,00) al Teatro Summarte di Somma Vesuviana (Napoli), andrà in scena lo spettacolo “Song Single” con Marilena Allocca, Annamaria Da Brescia e Massimo Salvetti, scritto da

Arte

Omaggio a San Sebastiano, la Caserta dell’arte si fa in quattro

Maria Beatrice Crisci – San Sebastiano è il Santo Patrono della città di Caserta. Lo è in coabitazione con Sant’Anna. Ma la sua figura, a differenza di quella vecchieggiante della

Primo piano

Neapolis sotterranea, visite e musica

Mario Caldara – Napoli, specie durante il periodo estivo, è gremita di turisti. Orde di persone, sotto un sole cocente, popolano le vie di quella che è una delle capitali