Storie casertane, in via San Carlo la real fabbrica di maioliche

Storie casertane, in via San Carlo la real fabbrica di maioliche

Luigi Fusco

– A Caserta, poco prima dell’avvio dei lavori di fondazione della Reggia, vennero avviate, per volere di re Carlo di Borbone, alcune imprese manifatturiere, i cui prodotti dovevano essere immessi sul mercato, ma dovevano essere utilizzati anche come suppellettili per la residenza che stava per essere innalzata.

La fabbrica che riscontrò maggior fortuna fu quella di via San Carlo, inaugurata nel 1751 e specializzata nella realizzazione di maioliche. Si trattava di una piccola industria, la cui organizzazione risultava però essere abbastanza articolata; difatti, il suo impianto era dotato di numerosi ambienti, la cui destinazione d’uso mutava a seconda delle fasi di lavorazione che vi venivano svolte e, inoltre, vi erano i luoghi preposti all’accoglienza di grosse fornaci.

Tale manifattura si trovava nei pressi dell’ultimo tratto della strada sancarlina, nelle immediate vicinanze della Chiesa di Montevergine. Molte furono le maestranze, provenienti da altri Paesi, chiamate dallo stesso sovrano per dare avvio all’impresa. Per quanto riguarda la sua produzione, particolarmente versatile era la realizzazione di maioliche dipinte, di ceramiche, di terrecotte e di laterizi. In una primissima fase, numerose furono le committenze, così come i manufatti richiesti dai reali, anche se di tali oggetti sono rimaste ben poche testimonianze. Per quanto riguarda le maioliche, in particolare, sono sopravvissute, anche se solo in parte, quelle del pavimento della Sagrestia della Chiesa di San Domenico a Capua, mentre presso la Reggia vanvitelliana sono conservati alcuni vasi, piatti, bicchieri e zuppiere, servizi utilizzati giornalmente dai sovrani.

La piccola industria sancarlina ebbe vita breve; difatti, nel 1756, venne chiusa su indicazione dello stesso re Carlo. Il motivo di tale scelta venne individuato nelle difficoltà economiche che vennero riscontrate, poiché pare che il bilancio fosse in rosso già da tempo. Dopo un po’ di anni, la struttura venne danneggiata da un incendio per poi esser ristrutturata da Vanvitelli. Successivamente, l’edificio venne trasformato in una cavallerizza, prima, e in una caserma, poi, con al suo interno anche gli alloggi destinati alle guardie del corpo. Dopo l’Unità italiana, la fabbrica venne completamente rasa al suolo e di essa ne resta solo il ricordo, ma anche la considerazione critica che fu un’attività di non poco conto, in quanto la sua istituzione rispondeva appieno alla politica di riforma fiscale avviata da Carlo di Borbone a partire dal 1734.

Luigi Fusco – Docente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7013 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Invito all’Ordine, Peppe Ferraro nella casa dei commercialisti

Claudio Sacco – Con la mostra personale Sotto pelle di Peppe Ferraro ha preso il via nella sede dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Caserta la rassegna Invito all’Ordine.

Cultura

San Sebastiano day, concerto in Cappella Palatina alla Reggia

Claudio Sacco – «Fra umano e divino, fra realtà e fiaba». È questo il titolo del concerto matinée con ingresso libero in programma per domenica 20 gennaio alle ore 11 nella Cappella Palatina di

Primo piano

San Prisco, Diana vien di notte e fa tappa sotto il Tifata

Oggi domenica 23 ottobre la prima edizione della manifestazione “La Notte di Diana – Cultura e tradizione alle pendici del Tifata”, co-finanziata dal “Poc Campania 2014-2020. Rigenerazione urbana, politiche per il

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply