Studenti del Manzoni, ciceroni per il Sacrario dell’Aeronautica

Studenti del Manzoni, ciceroni per il Sacrario dell’Aeronautica

-Tornano nei giorni 16 e 17 ottobre, le Giornate FAI di Autunno, iniziativa culturale giunta ormai alla decima edizione che tende a valorizzare il patrimonio artistico italiano con l’obiettivo di riscoprire il nostro paese attraverso occhi nuovi e prospettive insolite. Protagonisti di questa edizione saranno i siti del Ministero della Difesa e delle Forze Armate, 42 in tutto lo stivale, luoghi di notevole importanza storica ed istituzionale, che accoglieranno i visitatori in occasione del centenario della traslazione della salma del Milite Ignoto al fine di celebrare in senso ampio i luoghi simbolo della Grande Guerra. Si tratta di un’opportunità per quanti vogliano approfondire e conoscere i luoghi e le strutture che la Difesa custodisce con la responsabilità derivante dall’intrinseco valore storico e culturale che essi hanno per l’intera comunità.

Grazie dunque alla collaborazione tra Ministero della Difesa ed il Fondo Ambiente Italiano, a Caserta, dalle 10.00 alle 17.00, potrà essere visitato, previa prenotazione on-line sul sito della FAI, il Sacrario ai Caduti dell’Aeronautica Militare, posizionato all’ingresso dei Giardini della Flora a pochi passi dall’entrata del Palazzo Reale della Reggia di Caserta. L’ingresso allo storico monumento sarà consentito previa esibizione di un documento d’identità e della certificazione verde COVID- 19, “green pass”. L’apertura straordinaria sarà possibile grazie al prezioso contributo degli studenti del Liceo Statale A. Manzoni di Caserta, nella veste di narratori, che, in collaborazione con il personale della Scuola Specialisti dell’Aeronautica Militare, renderanno concreta a turisti e cittadini la possibilità di visitare un luogo storico del capoluogo campano.

La chiesetta di forma circolare, costruita in un angolo del perimetro della “Flora”, è un’opera storica della Città di Caserta, progettata, molto probabilmente, all’inizio del 1800 da Carlo Vanvitelli su richiesta del re Ferdinando I di Borbone e dedicata inizialmente alla Madonna del Carmine fino al 1836 quando l’edificio venne successivamente consacrato a Santa Filomena.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7603 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura 0 Comments

La regola del gioco, al Teatro Civico 14 con Andrea Renzi

Luigi D’Ambra – Una prova aperta al pubblico per mostrare i risultati del laboratorio tenuto da Andrea Renzi al Teatro Civico 14 di Caserta dal 23 giugno al 4 luglio.

Invito all’Ordine. La cultura nella casa dei Commercialisti

Claudio Sacco  – “Un Lavoro per il Lavoro” è il titolo della collettiva con gli artisti Antonio D’Amore, Carlo de Lucia, Bruno Donzelli, Peppe Ferraro, Battista Marello, Gianni Pontillo e Anna

Primo piano 0 Comments

Michele Zaza ha un pensiero cosmico, lo svela a Castel Nuovo

Enzo Battarra – Michele Zaza è un artista della memoria, un poeta della quotidianità. E come tale sa rapportarsi ai luoghi, alla loro storia e alla loro architettura. Sarà un

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply