Suoni e storie, al Settembre al Borgo arriva Ron

Suoni e storie, al Settembre al Borgo arriva Ron

Claudio Sacco

– Il Settembre al Borgo giunge alla sua quarta giornata. Alle 19 nel Giardino della Cattedrale toccherà ad Alessandro Chimienti aprire gli appuntamenti al tramonto tra latitudini e chitarre. L’artista, dal 2009 al fianco di Alessandro Mannarino – atteso a Casertavecchia mercoledì 6 settembre – sorprenderà il pubblico con le sue migrazioni ispaniche: di estrazione tendenzialmente “indie”, si dedica allo studio della chitarra flamenco, appassionandosi alla “world” music e agli strumenti a corda provenienti da culture e tradizioni diverse, tra cui charango e il ronroco. A seguire il jazz di Pietro Condorelli, accompagnato dal Vito di Modugno trio: Di Modugno all’organo Hammond, Michele Carrabba al sax e Massimo Manzi alla batteria.

Cambio di location alle 20, quando ci si sposterà all’interno della Cattedrale per ascoltare le sonorità proposte da Corrado Sfogli, direttore artistico e musicale del gruppo “La Nuova Compagnia di Canto Popolare”, sul cui palco succederà Andrea Castelfranato, abruzzese, maestro internazionale della chitarra e noto da anni per il suo virtuoso talento che si “arrampica” sulla tastiera della sua inseparabile compagna di viaggio. Nell’estate del 2010 fu proprio Mesolella ad invitarlo ad aprire a Caserta il suo concerto con il chitarrista Michele Ascolese, anche lui protagonista di questa edizione di “Settembre al Borgo”. Neanche oggi mancheranno le “note sospese da leggere tra le righe” della compagnia di teatro giovanile Compagnia della Città-Fabbrica Wojtyla, né il palcoscenico a chilometro zero allestito in Largo Castello per i nuovi talenti delle sei corde: ordinati dal maestro Franco Mantovanelli, domani sera toccherà ad Alfonso Brandi, Ubaldo Tartaglione e Christian Landolfi, Enzo Faraldo, Carlo Coronato, Emilio Di Donato.

In piazza Vescovado, dalle 21, il gran finale di giornata, con un trittico di esibizioni prima del concerto di Ron. Ad aprire lo spettacolo Mino De Santis, cantautore salentino, testimone di usi e tradizioni del meridione e di storie di vita tra il triste ed il comico, senza perdere mai l’ironia e la musicalità tipica di artisti come De Andrè o Stefano Rosso.

TONY CANTOSpazio poi a Tony Canto (foto), che con la chitarra continua a costruire ponti sonori tra la Sicilia e il Brasile, offrendo uno stile tra il classico italiano e il brasiliano di Joao Gilberto e Caetano Veloso. Chiude la musica popolare di Simona Sciacca: il progetto da solista della cantante parte proprio dalla Sicilia ma propone sonorità musicali che portano l’ascoltatore in un universo sonoro più ampio, grazie ad un percorso di ricerca e di contaminazione che si espande fino alla musica popolare portoghese e sud-americana. Un bouquet di stili ed atmosfere, che il direttore artistico di “Settembre al Borgo” Casimiro Lieto, ha immaginato per accogliere poi sul palco un fuoriclasse del cantautorato italiano: Ron. La sua carriera inizia nel 1970 quando, non ancora diciassettenne, sale sul palco del Festival di Sanremo con “Pa’ diglielo a Ma’”, conquistando da subito notorietà e favore del pubblico.

Negli anni ‘70, Rosalino Cellammare, questo il suo nome all’anagrafe, mette le basi per la sua carriera: l’amicizia e la collaborazione con Lucio Dalla (si deve a lui anche la scelta del nome Ron), la stesura delle prime musiche (di Ron, ad esempio, è “Piazza Grande”, che Dalla porterà a Sanremo nel 1972), gli album sperimentali, i concerti impegnati (tra cui il celebre “Banana Republic”, con Dalla e De Gregori nel 1979) e una parentesi nel cinema (“Lezioni private”, “In nome del Papa Re”, “L’Agnese va a morire”, “Turi e i Paladini”, “Mascagni”) formano l’artista e lo lanciano definitivamente nel mondo della musica italiana. Tra il ’90 e il ’96 nascono alcune sue canzoni entrate di diritto nella storia della musica italiana, come “Attenti al lupo”, “Non abbiam bisogno di parole”, “Le foglie e il vento” e “Vorrei incontrarti fra cent’anni”, con la quale vince, sul palco con Tosca, il 46° Festival di Sanremo.  Seguono anni in cui le collaborazioni con altri artisti, la voglia di mettersi in gioco e l’impegno nel sociale segnano significativamente la produzione di Ron. Sul palco di Settembre al Borgo ci sarà tutto questo, per un momento di musica di grande qualità ed emozioni immense.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9767 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Anna Ricciardi, nuova presidente per il Soroptimist di Caserta

Maria Beatrice Crisci – Cambio al vertice del Soroptimist International Club Caserta per il biennio 2021-2023. Anna Ricciardi è la nuova presidente del sodalizio. «Sono onorata ed orgogliosa di rappresentare

Primo piano

Musica e colori, due giorni di festa a Piedimonte e San Potito

Maria Beatrice Crisci ph Emanuela Vallo – «Musica e colori». A Piedimonte Matese una due giorni organizzata dal Centro Musicale Pro Arte. Lunedì 19 luglio in Piazzetta “Santa Maria La

Primo piano

Reggia di Caserta. Più visitatori a luglio. Felicori: Dati importanti per il monumento

(Redazione) – “Anche a luglio dati importanti per la Reggia mentre mi colpisce e mi commuove l’atmosfera di fiducia che c’è in città sul futuro del nostro complesso monumentale e