Teatro comunale. Marino: “Il teatro sia l’agorà della città”

Teatro comunale. Marino: “Il teatro sia l’agorà della città”

“Voglio che il Teatro Comunale sia l’agorà della città, la casa della cultura di Caserta. In questo momento la struttura è distante dai cittadini. Il mio obiettivo è che invece sia viva non solo in occasione del singolo evento, ma per 365 giorni all’anno, con iniziative culturali continue, che coinvolgano soprattutto i più giovani”. A dichiararlo è stato il sindaco di Caserta, Carlo Marino, che stamani è intervenuto alla presentazione della nuova stagione del Teatro Comunale. “Mi aspetto un risveglio della città, – ha proseguito Marino – che arrivino proposte, idee. Il Comune da solo non ce la può fare, il cittadino deve partecipare attivamente, pensando a nuovi modelli di cultura, di turismo. Sappiamo, infatti, che viviamo una condizione di dissesto finanziario. Tuttavia, questo problema si risolve, quello che preoccupa e che quindi dobbiamo affrontare con forza è il dissesto culturale”.

Il primo cittadino, poi, ha proposto di “aprire il teatro alla città, alle associazioni di categoria, creando un humus nuovo, un nuovo modello di cultura e turismo che coinvolga tutte le forze in campo e che rappresenti una grande occasione di rilancio economico per la città. Personalmente – ha aggiunto – ho la responsabilità di far riappassionare i casertani, lo voglio e lo posso fare assieme a tutte le forze della città, a partire dalla cultura, che è ‘fabbrica’ di emozioni. Ho il compito di risvegliare l’orgoglio di essere casertani, ma ho bisogno dell’aiuto di tutti”.

Il sindaco, poi, rispondendo ad una domanda posta da una giornalista presente alla conferenza stampa, ha annunciato che il Comune di Caserta chiederà alla Regione una quota per realizzare un’iniziativa culturale a Casertavecchia tra la fine di agosto e l’inizio di settembre, che ricalchi la tradizione della storica manifestazione che si svolge da oltre 40 anni nella frazione.

“Vogliamo riportare una kermesse importante nel Borgo – ha dichiarato Marino – ma sappiamo anche che non bastano i singoli progetti per rilanciare il turismo e la cultura sul territorio. Serve una seria programmazione delle strategie di sviluppo dei due settori, coinvolgendo tutta la città e gli operatori, facendo sistema”.

Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9390 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

“Io vivo per te”, vince a Toronto il corto del Collettivo Paula

-“Io vivo per te” vince in Canada. Dopo la menzione speciale di “Best women’s short film” in India, il cortometraggio sul Gaslighting di Rita Raucci, scritto con Claudio Lombardi e Paolo Mazzarella

Primo piano

Palazzo Reale Napoli, dal 28 maggio online il sito del museo

-Domani, 28 maggio, sarà on line il sito web del Palazzo Reale di Napoli. Finalmente il museo, autonomo dal novembre del 2020, si dota di un nuovo strumento per andare

Primo piano

Carmen, una spagnola a Parigi. Finale da profondo rosso

(Beatrice Crisci) – È come affacciarsi da un balcone a Parigi e vedere da lassù la vita che si svolge a Siviglia. Il coreografo Fredy Franzutti ha visto così la