Tempo di FestBook a Caserta, tanta cultura con un po’ di follia

Tempo di FestBook a Caserta, tanta cultura con un po’ di follia

(Claudio Sacco)

IMG_0763– “Una follia culturale, di bellezza, di creatività partendo dai giovani e da quanti hanno voglia di dare un contributo culturale a questa città. È bellissimo! Questi giorni saranno stupendi, partendo dalle poesie ma non solo da questo”. È stato il sindaco Carlo Marino ad aprire ieri pomeriggio la maratona di poesie d’amore nell’ambito di FestBook, la kermesse letteraria che fino a domenica 28 coinvolgerà la città di Caserta. FestBook, come più volte sottolineato, è il festival della creatività, dei libri e della follia. Quarantacinque eventi in quattro giorni nelle piazze di Caserta: innovativi, creativi, di altissimo taglio speculativo o di puro divertimento letterario. Quattromila saranno le persone in strada a interpretare poesie d’amore, recitandole, teatralizzandole o cercando nuovi modi d’espressione. La manifestazione è promossa IMG_3068dall’Università Luigi Vanvitelli in collaborazione con il Comune di Caserta, l’Ucsi, la Società Dante Alighieri. Quindi, le scuole e le librerie, l’Assostampa, la Pro Loco di Caserta Antica, il Coordinamento delle associazioni, i gruppi teatrali della città, la Cattedrale di Casertavecchia. Ma l’elenco sarebbe ancora più lungo.

IMG_9209Piazza Dante, Vanvitelli, Duomo e Pitesti saranno le quattro agorà di Caserta in cui le pattuglie poetiche interverranno per tutta la durata del festival, dalle ore 18.30 alle 20.30. Tre i laboratori a tema: #Giocaitaliano, dalle ore 16 alle 17, darà la possibilità di imparare l’italiano divertendosi con i professori Fedele Menale, Martino Santillo e Domenico Proietti. #Danteide, dalle 17 alle 18, vedrà impegnati i docenti Flavio Quarantotto, Dario Bonifacio e Luca Frassineti. Entrambi i laboratori si terranno nelle aule dell’ateneo Luigi Vanvitelli, ex palazzo delle Poste, nei pressi della Reggia. #LeggerelArte sarà un laboratorio dedicato alla lettura storico-critica della produzione artistica, dall’archeologia alla seconda metà del Novecento. Dalle 18 alle 19, nel museo di arte contemporanea del centro Sant’Agostino, interverranno i professori Carlo Rescigno, Riccardo Lattuada e Luca Palermo.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9779 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Il sacro fuoco dell’arte, Sant’Antonio Abate è made in Caserta

Maria Beatrice Crisci – È il santo del fuoco, ma anche quello del diavolo con le sue tentazioni. Ed è pure il santo del porcellino. Insomma, Sant’Antonio Abate porta con

Cultura

Giovedì al Museo. La lectio di Massimo Capaccioli

Maria Beatrice Crisci – È giovedì. Si va al Museo Campano. Oggi il protagonista del consueto appuntamento settimanale capuano è Massimo Capaccioli, professore emerito di Astrofisica alla Federico II. La sua lectio avrà come

Primo piano

Festa della Tammorra. Gran finale a Carinaro

Luigi D’Ambra – E’ sicuramente uno degli eventi più attesi di questo periodo. Parliamo della “Festa della Tammorra”. Il gran finale il 24 e 25 giugno in Piazza Trieste, a