Tenuta Fontana. Una vendemmia ad alta quota

Tenuta Fontana. Una vendemmia ad alta quota

(Beatrice Crisci) – Su e giù per gli scalilli. Uomini ragno, capitani coraggiosi si inerpicano sulle scale altissime e strettissime fino a nove metri di altezza, o anche più, per raccogliere i grappoli di uva bianca di asprinio. È questa la vite maritata al pioppo, l’alberata aversana. Unica. Ogni gruppo di acini è una conquista, è un dono della natura. Da lì sopra la sequenza dei filari appare ancora più magica, mentre tutto intorno ci sono i terreni di una pianura fertile e generosa. Questa è la Campania Felix, altri nomi non sono graditi. Qui si lavora da secoli per raccogliere l’uva, per produrre il vino e per conservarlo nelle grotte di tufo. E un bicchiere di asprinio troverà sempre una mozzarella di bufala per un’accoppiata vincente, per un’esaltazione reciproca dei sapori. Sono eccellenze dello stesso territorio, sono figli di uno stesso sole, di uno stesso destino. Tutto questo Raffaele Fontana. Con lui è nata l’azienda vinicola Tenuta Fontana, che raccoglie una tradizione di decenni e decenni. E vede impegnati la moglie di Raffaele, Teresa Diana, e soprattutto vede protagonisti i due figli, Mariapina e Antonio. Il loro asprinio prende il nome di Civico 44 ed è un vino ammaliante.

civico 44 nuovo

Raffaele Fontana racconta così: “Ricorderò sempre il profumo acre e dolciastro dei vigneti mescolato a quello del fieno settembrino appena tagliato e scaldato dal sole. Ero bambino, ma nella mia memoria è ancora indelebile il ricordo dei giorni della vendemmia. Settembre, per la mia famiglia, era il mese più importante dell’anno. I preparativi erano frenetici e convulsi, per i giorni della raccolta tutto doveva essere pronto e perfetto. In alcun modo si poteva compromettere il lavoro di un anno”.

Poi aggiunge: “Il ricordo di quei giorni unitamente ad una consolidata esperienza imprenditoriale, hanno fatto si che oggi, insieme ai miei due figli, Mariapina e Antonio, io abbia voluto far nascere la Tenuta Fontana. Vorrei che i miei ricordi insieme ai miei sogni prendessero forma e vita.

Un elogio alla tradizione contadina e il desiderio di fare azienda si sintetizzano nel segno delle proprie radici ma con lo sguardo saldamente rivolto al futuro. Il nostro desiderio è offrire prodotti di qualità capaci di suscitare emozioni intense come quelle dei nostri ricordi di bambino”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7467 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati 0 Comments

Il Dalla che verrà, Peppe Servillo & Friends al Teatro di Cortile

Saranno le atmosfere musicali di Peppe Servillo, Javier Girotto e Natalio Mangalavite a inaugurare la seconda edizione di Teatro di Cortile nel suggestivo palcoscenico di Palazzo Firrao Napoli, rassegna ideata e organizzata

Primo piano 0 Comments

Nostos, Itaca oltre le mura. Il romanzo di Gaetano Ippolito

Dall’esperienza laboratoriale all’interno delle carceri di Gaetano Ippolito è venuta alla luce l’idea di un romanzo che portasse in scena i tormenti dei detenuti e il loro desiderio di riscatto

Primo piano 0 Comments

Ad Artestate in scena “Un uomo” con Mariella Nava e Michele Casella

Mariella Nava e Michele Casella saranno protagonisti di Artestate, la rassegna di spettacoli organizzata dall’Amministrazione comunale e finanziata dalla Regione Campania, mercoledì 21 settembre alle ore 21 nel suggestivo cortile

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply