Terrae Motus in cantiere. Mercoledì l’inaugurazione alla Reggia

Terrae Motus in cantiere. Mercoledì l’inaugurazione alla Reggia

(Luca Palermo)          Cantiere sarebbe dovuto essere e, alla fine, cantiere sarà. Terrae Motus, la mostra fortemente voluta da Lucio Amelio in seguito all’evento sismico del novembre 1980 e, quasi per caso, ospitata alla Reggia di Caserta, aprirà le porte al pubblico tra pochi giorni. Il primo giungo, infatti, negli spazi del palazzo vanvitelliano recentemente lasciati liberi dall’Aereonautica Militare, sarà esposta, per la prima volta nella sua interezza, quella che, senza dubbio, si può considerare la collezione tematica più importante al mondo. Con qualche giorno di anticipo, si è avuta la possibilità di visitare il nuovo allestimento. Queste le riflessioni a riguardo.

IMG_6235

L’arte contemporanea ha, da sempre, la capacità di attivare i luoghi e di far parlare degli stessi. Che poi i discorsi intorno ad essa siano positivi o negativi conta poco; l’importante è che se ne parli. Penso sia questa la molla che ha spinto il direttore Mauro Felicori ad abbracciare questa nuova avventura. Due, ritengo, sono gli aspetti positivi che meritano di essere sottolineati: il primo, come già detto, l’aver pensato un allestimento che mettesse in mostra tutti i pezzi della collezione; il secondo quello di aver restituito al pubblico una parte della residenza borbonica la cui fruizione era interdetta proprio a causa della presenza dell’Aereonautica Militare.

Ciò che lascia perplessi è, tuttavia, l’allestimento in quanto tale: è difficile riconoscervi un criterio scientifico nell’accostamento delle opere e una sorta di horror vacui sembra caratterizzare il salone principale. Ciò rende difficile la lettura e la comunicazione dei lavori esposti. Conforta pensare che si tratti di un cantiere, di un work in progress, che, in quanto tale, dovrebbe recepire critiche e suggerimenti, farne tesoro, per poi elaborarli in vista di quello che sarà, di qui a qualche mese o a qualche anno, l’allestimento definitivo. Un plauso, dunque, al direttore Felicori e al suo staff per il coraggio di osare laddove molti hanno preferito tergiversare; un bentornato alle opere già esposte nelle retrostanze dell’appartamento settecentesco; infine un benvenuto alle opere mai esposte. L’augurio è che Lucio Amelio da lassù apprezzi lo sforzo ed abbia la pazienza di attendere ancora un po’ per veder rinascere la sua creatura.

@luky83

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8422 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Un’estate al mare. Le opere di Angelo Maisto sull’Adriatico

(Enzo Battarra) – Estate in costa adriatica per Angelo Maisto. Ma non si tratta di vacanze. Il bravo artista casertano è protagonista di due rassegne in corso a San Benedetto del

Attualità 0 Comments

Trattamento dell’epatite C, un premio all’Ospedale di Caserta

Claudio Sacco – “Modello di interazione tra centro clinico specialistico e territorio per la eradicazione di Hcv dalla popolazione di tossicodipendenti”: con questo progetto l’unità di Malattie Infettive e Tropicali

La pittura secondo Barbara Rose in 50 quadri, evento Reggia

Maria Beatrice Crisci – “Io sono venuta varie volte a Caserta e sono innamorata del Palazzo Reale“. Così Barbara Rose, famosa storica dell’arte statunitense ai microfoni di Ondawebtv. L’incontro avviene in

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply