Theatrum Mundi di Ciro Ciliberti al Museo del Sottosuolo di Napoli

Theatrum Mundi di Ciro Ciliberti al Museo del Sottosuolo di Napoli

Sabato 7 maggio alle 18.30 una mostra fotografica di Ciro Ciliberti e l’occasione per scoprire uno dei luoghi più suggestivi di Napoli e poco conosciuto ovvero il Museo del Sottosuolo di Napoli.
“Ascolto la natura nel bene e nel male lascio che parli a caso con l’energia originale”: penso a questi versi di Walt Whitman, osservando le immagini di Carlo Ciliberti, avverto chiaramente la sua capacità di relazionarsi al mondo in modo libero, ascoltando le storie intense che i suoi soggetti gli raccontano.
La fotografia è un’esperienza fisica, è un confrontarsi con il proprio corpo e con il soggetto ritratto, è la traccia di luce di un incontroscontro con la realtà attraverso l’inconscio tecnologico della fotocamera. Il fotografo deve liberarsi dei suoi pregiudizi per imparare a guardare, per imparare a confrontarsi con il reale. Avverto il coraggio di Ciliberti di porsi sull’abisso del tempo, dove gli istanti rivelano profonde verità che i soggetti vivono sulla superficie di sé. Il suo sguardo sfida la banalità del vedere per incontrare frammenti di sincerità che la fotocamera registra. La memoria di macchina penetra nell’inconscio della vita, la velocità dell’otturatore registra istanti che l’occhio non percepisce, la visione di macchina diviene surreale o meglio “super reale”. Ciliberti, padroneggiando sapientemente la tecnica, si lascia trascinare dalla potenza espressiva dei soggetti, vive le tempeste emotive degli sguardi, si immerge in esse e ne raccoglie l’impronta. La sua fotografia non cerca la bellezza rassicurante: in ogni immagine vive una forte tensione emotiva, un interrogarsi, un disperdersi nel molteplice. La particolarità delle sue foto non nasce dalla ricerca dell’eccezionale, ma si nutre di una profonda umanità ed empatia con i soggetti, non c’è mai uno sguardo profanatore e il fotografo non cerca di rubare emozioni, si pone in ascolto e lascia che il soggetto gli doni intimi segreti. Una vita intera è raccontata nelle rughe di una donna anziana, la scommessa di un futuro nello sguardo di un bambino: egli vive lo stupore per la bellezza di una donna e la gioia del gioco dei bambini. Ogni foto è una spirale di emozioni che ci trascina nel suo mondo interiore.
Il suo lavoro si differenzia da quello dei maggiori reporter contemporanei, non cerca l’epica bellezza di Salgado o il disordine meditato di Pellegrin o di Zizola. La sua fotografia, credo, trovi delle affinità con la ricerca visiva di Koudelka, il cercare la forza degli sguardi ed abbandonarsi al caos del mondo. Il filo che lega le sue immagini non è logico, ma puramente emotivo, è un intrecciare emozioni provando a tessere una mappa interiore. Sono tutti indizi di un cercare sofferto, di un lanciarsi nel vortice della vita, sperando di scoprire nuove dimensioni. Montaigne ci ricorda che viaggiare è strofinare il proprio cervello con quello degli altri e questa relazione fisica e spirituale si percepisce in modo nitido in queste immagini. Tutti noi siamo gettati nel flusso della vita senza saperne la ragione, lottiamo, amiamo, ci confrontiamo con i nostri simili nelle gabbie dei ruoli e nella competizione per il successo, ma non comprendiamo mai fino in fondo il senso del nostro agire. Il viaggio di Ciliberti è una ricerca di senso: interrogando istanti infiniti, prova a tracciare le coordinate della propria interiorità, prova a sentire l’eco della propria anima, sapendo di trovare solo indizi, ma comprendendo che anche la più piccola emozione può essere la punta di un iceberg in cui immergersi per la ricerca di sé.
Concludo ancora citando dei versi di Walt Whitman che sempre più accompagnano i miei occhi nel guardare la sua ricerca visiva.
“Questo è il pasto equamente servito, questo è il cibo per la fame naturale, è per il giusto come per l’ingiusto, con tutti ho preso appuntamento, non tollero che nessuno sia trascurato o escluso…”.
Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7142 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Tempo di FestBook a Caserta, tanta cultura con un po’ di follia

(Claudio Sacco) – “Una follia culturale, di bellezza, di creatività partendo dai giovani e da quanti hanno voglia di dare un contributo culturale a questa città. È bellissimo! Questi giorni

Primo piano

Storie di calcio al Cortile con Mutamenti e Teatro Civico 14

Pietro Battarra – Ti buco il pallone – storie di calcio al cortile. E’ questo il titolo della prima rassegna teatrale estiva a cura di Mutamenti/Teatro Civico14 che dal prossimo  20 giugno

Attualità

Gianni Pittella a Caserta con Battarra e Marino

Lunedì 16 maggio alle ore 18.30 presso l’Hotel dei Cavalieri, in piazza Vanvitelli a Caserta, si terrà l’iniziativa “Valori e Idee per una Caserta della Cultura e della Solidarietà”.  Modera

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply