Ti ci porto io! L’abbazia di Sant’Angelo in Formis 

Ti ci porto io! L’abbazia di Sant’Angelo in Formis 

-La chiesa di Sant’Angelo in Formis è dedicata a San Michele Arcangelo, sorge lungo il declivio occidentale del monte Tifata. L’interpretazione etimologica della nuova denominazione è controversa: da una parte si suppone derivi dal termine latino forma (“acquedotto”), e che stia ad indicare la vicinanza di un condottò o di una falda; mentre secondo l’altra ipotesi il termine sarebbe derivato dalla parola informis (“senza forma”, e quindi “spirituale”).
La Chiesa fu donata ai monaci di Montecassino, che voleva costruirvi un monastero. L’allora abate Desiderio di Montecassino decise di ricostruire la Basilica e ne rispettò ancora gli elementi architettonici di origine Pagana. A lui si devono gli affreschi di scuola Bizantino-Campana che decorano l’interno e che costituiscono uno tra i più importanti e meglio conservati ciclo pittorici dell’epoca nel Sud Italia.

Articolo di Serena Cataletti, Carolina Pastore, Teresa Rispoli, Carmela Russo

About author

You might also like

Comunicare il Territorio

Acquedotto Carolino, la geniale opera di Luigi Vanvitelli

–Acquedotto Carolino. La costruzione di un acquedotto, che portasse l’acqua dalle sorgenti del Fizzo fino al Palazzo Reale di Caserta, fu un successo che diede ulteriore fama all’architetto Luigi Vanvitelli 

Comunicare il Territorio

Casatiello, la tradizione sulla tavola delle feste pasquali

-In occasione delle festività pasquali, sulle tavole campane non può mancare il Casatiello.  Le origini di questo rustico  risalgono al periodo in cui Napoli era prima greca e più romana,

Comunicare il Territorio

La tradizione gastronomica casertana, la pigna pasquale

-La pigna pasquale, dolce tipico della Pasqua di Terra di Lavoro, è una golosa ciambella glassata, che rientra senza dubbio nella tradizione gastronomica casertana. Il nome deriva da “pignata” ovvero