Toc toc, c’è un sintomo che bussa! Apri e ascolta il messaggio

Toc toc, c’è un sintomo che bussa! Apri e ascolta il messaggio

Armando Rispoli (psicologo e psicoterapeuta)

– Spesso i sintomi psichici (fobie, panico, depressioni), così come quelli somatici (gastriti, cefalee, nausee, lombalgie), ci inducono a sperimentare un disagio molto intenso. Queste manifestazioni rappresentano formazioni dell’inconscio che possono irrompere gradualmente o all’improvviso e si installano in maniera spesso duratura e continuativa, costringendoci a interrompere il modo in cui stavamo vivendo la nostra vita fino al momento della loro insorgenza. Quando si manifestano, sembrano spesso incomprensibili, cioè percepiti come lontani da qualunque causa individuabile. Alle volte ci inducono in reazioni e comportamenti che sembrano completamente distanti dall’idea che noi abbiamo di noi stessi. Allora ci si sente persi, spaesati, spesso estremamente impauriti e può capitare di non sentirsi più in grado di far fronte alle complesse richieste della propria quotidianità. In questi casi, l’esigenza immediata, comprensibilmente, è quella di “eliminare” il sintomo e di tornare al funzionamento psichico e sociale precedente, possibilmente nel più breve tempo possibile. Ma l’eliminazione reale e definitiva del sintomo non può però prescindere da una comprensione profonda dello stesso. Pena: ritrovarselo attraverso altre forme e con insistenza alle volte anche maggiore. Proprio così, perché ogni sintomo cela dentro di sé un formidabile significato nascosto, dice qualcosa di chi lo vive, della sua storia, delle difficoltà che egli ha incontrato nella sua evoluzione all’interno delle relazioni importanti della propria vita: porta un messaggio che va ascoltato, non va ignorato o eliminato con leggerezza.  La sua comparsa è salvifica: viene a ricordarci che abbiamo perso il senso della direzione, il contatto con la nostra vera essenza, viene a dirci che ci stiamo allontanando troppo da ciò che più naturalmente e istintivamente saremo stati, se non avessimo sentito fortemente la necessità di dover rappresentarci in una forma ed un’immagine diversa. E’ come se si creasse un divario troppo grande tra ciò che saremmo potuti essere e quello che dobbiamo invece assolutamente e insindacabilmente essere o rappresentare per gli altri. Alle volte eventi, persone, contesti, affetti, significativi della nostra vita ci hanno costretto a mettere in discussione, a censurare, a camuffare l’espressione così naturale che stava avvenendo di noi, perché crudelmente (o anche inconsapevolmente) respinta, giudicata, abbandonata, svalutata da chi era prezioso per noi. Pur di non sperimentare queste sensazioni così minacciose, si può sentirsi costretti a censurare tutto ciò che può esporci a sofferenza e così parte della nostra originalità comincia a spegnersi, e con essa si addormenta la anche parte della nostra vera essenza. Spesso immagino questa parte assopita, come un bambino o una bambina piccoli che rimangono chiusi, a doppia mandata di chiave, nella loro stanzetta buia e confinati ad essa per anni e anni, senza mai venire più ascoltati. Inizialmente speranzosi che li avremmo liberati, sono rimasti in silenzio, ma con il tempo hanno cominciato a sentire di dover rinunciare a quell’ascolto di cui avrebbero avuto tanto bisogno. Ed ecco che quando il divario tra l’adulto che si esprime dentro di noi ed il bambino e la bambina dimenticati, diventa intollerabile per la nostra vera espressione in questa vita, subentra il sintomo come un urlo di disperazione. Con l’obiettivo di risvegliarci, il sintomo inizia a farsi vivo e lo fa attraverso l’ansia, lo spavento, il dispetto, lo stupore, la perdita di controllo, il disagio e bussa alla porta di quella stanza prepotentemente per attirare una volta e per tutte la nostra attenzione. Il suo rumore è carico di significati preziosi che dobbiamo stare molto attenti a non silenziare ancora una volta. Ecco perché, nonostante la sua rumorosità, la prima cosa da fare è accoglierlo, salutandolo come un messaggero, e cercare poi di decifrarne il messaggio intimo, privato, personale che esso ci porta. D’altra parte, seppur ingombrante, è l’unica modalità con la quale quel bambino e quella bambina hanno per attirare l’attenzione una volta e per tutte e costringerci a dedicare loro uno spazio e un tempo d’ascolto. E l’unico modo che hanno per convincerci a fermarci ed a volgere lo sguardo lì dove’ si raccolgono ricordi, immagini, motivazioni, emozioni preziose che servono a recuperare le nostre radici e con esse l’espressione delle nostre parti autentiche, ma troppo a lungo dormienti e rimaste chiuse a chiave. A volte questo dialogo è possibile ritagliando il tempo giusto per poter recuperare parti di sé lasciate in silenzio. In questa immagine di accettazione e di rispetto, la Psicoterapia può rappresentare lo spazio fisico e mentale dove ciò può avvenire in maniera intima, dedicata, cadenzata, strutturata. Mi piace immaginarla come quel salotto dove imparare a donare a se stessi la possibilità di far dialogare compassionevolmente tutte le parti di sé e permetterle di esprimersi naturalmente lungo la propria quotidianità.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6368 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Editoriale

Centometriquadri di arte, le Cromie astrali di Gianluca Sgherri

Maria Beatrice Crisci  – «Cromie» è il titolo della mostra personale di Gianluca Sgherri che si inaugura giovedì 12 settembre alle ore 19 presso la Galleria Centometriquadri Arte Contemporanea di

Primo piano

PlayDog, ci vuole olfatto per andare alla scuola di mantrailing

Simone Lino – Buongiorno amici cinofili. Oggi vi presento una bellissima iniziativa del centro cinofilo PlayDog di Marcianise, dove nei prossimi giorni si terrà uno stage di mantrailing. I più

Spettacolo

Il Negozio di Altalene va in scena al Piccolo Cts di Caserta

Pietro Battarra – Il Piccolo Teatro Cts di Caserta, (via Louis Pasteur 6 zona Centurano) diretto da Angelo Bove, ospita il prossimo fine settimana lo spettacolo “Il Negozio di Altalene”

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply