Un raggio di bellezza dal palco, in scena detenuti e magistrati

Un raggio di bellezza dal palco, in scena detenuti e magistrati

Maria Beatrice Crisci

-“Stasera vi abbiamo regalato un raggio di bellezza e di speranza, tornate a casa e dite che questo raggio è stato regalato dai detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere“. Così il magistrato di sorveglianza Marco Puglia sul palco del Teatro Comunale di Caserta. E’ qui che è andato in scena Epochè spettacolo da lui ideato e di cui è regista e attore. Sulla scena con Puglia, contemporaneamente magistrati, agenti della polizia penitenziaria e persone private della libertà personale. “Epochè” è stato organizzato dall’Ufficio di Sorveglianza di Santa Maria Capua Vetere, dal Rotary Club Caserta Reggia e dalla Casa Circondariale Uccella di Santa Maria Capua Vetere, con il patrocinio del Comune di Caserta e del Lions Club Caserta Host presieduto da Annamaria Sadutto. In platea, tra gli altri, il procuratore generale della Corte di Appello di Napoli, Luigi Riello, il presidente della corte di appello di Napoli Giuseppe de Carolis Prossedi, la presidente del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere Gabriella Casella, il magistrato Giuseppina Casella, la presidente del tribunale di sorveglianza di Napoli Patrizia Mirra, il Procuratore Capo presso il tribunale di Napoli Rosa Volpe, la presidente dell’Asi Caserta Raffaela Pignetti, l’assessore alla Cultura del Comune di Caserta Enzo Battarra.

Marco Puglia – Filippo Morace

A dare il via alla serata il presidente del Rotary Club Caserta Reggia e direttore artistico dell’evento Filippo Morace che visibilmente emozionato ha detto: “Tutti loro sono un esempio di vera comunione, una vera fonte di energia che hanno trasmesso anche a me“.

“Nella filosofia greca il termine epochè – spiega il magistrato Puglia – stava a indicare la sospensione avvertita come necessaria ogni qual volta non vi fossero sufficienti elementi per poter rendere un giudizio. L’epochè è, quindi, sospensione, una immaginaria stasi del pensiero giudicante che anela alla conoscenza prima ancora che al giudizio. La performance ha questo titolo perché custodisce, in primo luogo, un invito rivolto allo spettatore: quello di non affrettarsi a giudicare chi porta con sé il pesante marchio del carcere. L’invito ad ascoltare, attraverso l’universale linguaggio del teatro, chi si sente molto spesso inascoltato. Non a caso il teatro riesce a interrompere, sospendendolo, il normale flusso del tempo asservendolo a un nuovo andamento ed è così che si resta, d’improvviso, sospesi». In scena con Marco Puglia, Christian Bencivenga, Pasquale Bruno, Filomena Capasso, Salvatore Daniele Francesca De Marinis, Benedetta De Risi, Pasquale Di Palma, Fiorella Federici, Michele Fiorillo, Luigi Illibato, Nico Merola, Fiorella Nardone, Entony Rega, Donatella Rotundo, Giovanni Scognamiglio, Francesco Sdino, Massimo Storri e Giovanna Tesoro. Supervisione musicale Fiorella Federici, elementi scenici di Pasquale Di Palma, sartoria a cura di Anna Varriale. Assistenza organizzativa Marta Margarita.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8907 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Napoli Teatro Festival. Prima lo spettacolo, poi visita al museo

Comunicato stampa -La Reggia di Capodimonte e Palazzo Reale incontrano il grande teatro internazionale. Chiunque acquisti un biglietto dell’edizione 2020 del Napoli Teatro Festival Italia per uno spettacolo programmato negli spazi

Sport

Città di Caserta – Powergas Tennis Cup. XXIX edizione

Cominciano da lunedì 16 maggio gli incontri validi per il tabellone finale della XXIX edizione degli “internazionali” “Città di Caserta – Powergas Tennis Cup”, manifestazione del circuito professionistico ITF Women’s

Primo piano

Madonna ad Nives. A Casolla rara e antica scultura lapidea

Luigi Fusco -Nella Chiesa di San Lorenzo Martire, sita nella piccola frazione di Casolla di Caserta, è conservata un’antichissima scultura lapidea raffigurante Sancta Maria ad Nives o Santa Maria della