Un romanzo al bacio, il jazz nel nuovo libro di Tony Laudadio

Un romanzo al bacio, il jazz nel nuovo libro di Tony Laudadio

Magi Petrillo

Laudadio_Tony_Preludio-a-un-bacio_cover– Pur non essendo un polar, si deve per forza arrivare alla fine e nel più breve tempo possibile, non è di quei romanzi che tu lasci giacere lì sul comodino, che, magari, hai anche iniziato ma che non apri quando sei stanco … no, non è così, perché l’ultimo di Tony Laudadio è il romanzo che narra, come in una pièce teatrale, la storia della seconda possibilità, ma non solo.

Sin dal titolo evocativo del capolavoro di Duke Ellington, “Preludio a un bacio” (NNE, 2018, Milano, 217 pp), il romanzo si preannuncia per il lettore come un viaggio nel mondo della musica jazz guidato da un io narrante musicista e amante della letteratura (“Prelude to a kiss” è l’unica canzone che fa da colonna sonora a ben due capitoli – la prima volta nella versione appunto interpretata da Duke Ellington, la seconda da Billy Holiday, n.d.r.): Emanuele, colto musicista di strada, alcolizzato e senza fissa dimora, racconta, infatti, la sua vita, senza risparmiare particolari, rinunciando all’artificio della parola e optando per l’assertività: ha cinquant’anni, vive nello scantinato di un palazzo, apparentemente non ha relazioni interpersonali se non con Maria, una bella ragazza che lavora in un bar. Il mondo di quest’uomo è un mosaico complicato che, in un gioco di rimandi di memoria proustiana, il lettore è chiamato a ricomporre … con un finale inatteso.

Ma il romanzo di Laudadio è anche molto altro, perché, ed è l’incipit che lo chiarisce, “la parola è la sorella stronza della musica” (p. 7).

In un gioco di intertestualità che sfora nell’“intermusicalità” questo romanzo rivela, infatti, nelle intercapedini dell’implicito, un autore che gioca con un lettore attento e che conosce i suoi romanzi precedenti (“Esco”, “Come un chiodo nel muro”, “L’uomo che non riusciva a morire”), tessendo una lucida teorizzazione sulla natura del romanzo contemporaneo, sulla sua ‘Epifania’. E Laudadio lo fa dalla sua posizione di artista poliedrico ben argomentando, anche se “entre les lignes”, sul valore e sull’uso che della parola deve fare il romanziere e sulla polarità tra letteratura e musica che tanto era cara a Jean Cocteau e al Gruppo dei Sei.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 5754 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Comunicati

Coronavirus. Bottiglieri ai genitori, tenete a casa i vostri figli

Claudio Sacco -La Presidente dell’Ordine dei Medici di Caserta Maria Erminia Bottiglieri rivolge un appello non solo ai medici impegnati in prima linea in questi giorni di emergenza coronavirus, ma

Primo piano

Scrivere di cibo. L’Ateneo Vanvitelli a Città della Scienza

(Luigi D’Ambra) – Da domani venerdì 24 marzo a domenica 26 marzo il Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” sarà presente a Città

Primo piano

Sant’Arpino, il Sud a scuola con Eugenio Bennato e Pino Aprile

Pietro Battarra – Sarà una lezione davvero speciale quella in programma all’Istituto Comprensivo Statale «Rocco – Cavaliere Cinquegrana» di Sant’Arpino. In cattedra saliranno Pino Aprile ed Eugenio Bennato. L’appuntamento è

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply