Una carriera in un presepio. Matronato a Jimmie Durham

Una carriera in un presepio. Matronato a Jimmie Durham

(Enzo Battarra) – Sarà conferito a Jimmie Durham il matronato alla carriera dalla Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee a Napoli. La cerimonia è prevista nella primavera del 2017 e sarà accompagnata da una laudatio in onore dell’artista, tenuta da Carolyn Christov-Bakargiev, direttore della GAM, la Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino e del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, nonché direttrice artistica di dOCUMENTA (13).

Proprio in occasione delle festività natalizie un’opera dell’artista, scrittore e attivista politico Jimmie Durham, nato in Arkansas nel 1940, è entrata a far parte della collezione del MADRE. Si tratta di “Presepio” (Foto © Amedeo Benestante) del 2016, scultura concepita appositamente per il museo napoletano nell’ambito del progetto “Per_formare una collezione” e collocata nella Sala Clemente al secondo piano. “Presepio” è stato presentato al pubblico alla presenza dell’artista, introdotto dal presidente della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee Pierpaolo Forte e del direttore del museo MADRE Andrea Viliani.

il “Presepio” di Jimmie Durham, realizzato in materiali vari (legno, pietra, plastica, vetro, ferro, bronzo, cotone, pelle, pittura acrilica, colla), rispetta la caratteristica configurazione del presepe napoletano: la nascita del bambino Gesù è ambientata nello scenario della città contemporanea e l’area del praesaepe è abitata da numerose figure popolari la cui caratterizzazione estetico-formale ha assunto, nel tempo, una grande pregnanza simbolica. Nello stesso tempo “Presepio” condensa il percorso artistico di Durham, incentrato su un’idea di scultura che coincide con le potenzialità stesse della materia da cui essa è costituita (in questo caso pietra e legno, già utilizzati dai primi scultori che raffigurarono la natività). Con quest’opera Durham rende omaggio a una fra le più antiche tradizioni artigianali campane, conferendo al presepe una spiritualità arcaica e intima.

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9783 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Brindisi sotto le stelle… cadenti, così si festeggia San Lorenzo

Pietro Battarra -La notte per eccellenza delle stelle cadenti, quella di San Lorenzo, si avvicina. Il popolo della notte stellata è già pronto ad affrontare i diversi appuntamenti che si

Attualità

Samuele Ciambriello, è lui il garante dei detenuti in Campania

Maria Beatrice Crisci – «Ringrazio di cuore il Consiglio regionale della Campania per avermi nominato garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale». Samuele Ciambriello affida a un post

Primo piano

Accadeva a Caserta, la mostra è all’Archivio di Stato

Luigi Fusco -Anche l’Archivio di Stato di Caserta aderisce alle celebrazioni vanvitelliane previste in occasione del 250esimo anniversario della morte del grande architetto della Reggia. Dal 3 aprile e fino