Una parola al mese: skillato. A cura dell’Università Parthenope

Una parola al mese: skillato. A cura dell’Università Parthenope

(Giada Boschi*) – “Non sei abbastanza skillato per questo lavoro”. In un mondo che si apre sempre di più al multilinguismo, non è raro imbattersi in questo termine derivante dall’inglese “skilled” (“esperto”, “qualificato”, cfr. WordReference). Le skill sono abilità, capacità e competenze che una persona possiede (“le skill di un programmatore”, cfr. Garzanti Linguistica) in un determinato settore o rispetto ad un preciso lavoro.

Termine prettamente tecnico, l’aggettivo skillato (m.s.) lo si ritrova principalmente nei linguaggi e nei settori informatico e aziendale; il mondo dell’informatica ha dato vita a molti vocaboli, in particolare inglesi, che sono stati recepiti in altre lingue attraverso prestiti e adattamenti, come nel caso in questione. In ambito aziendale, capi d’azienda e responsabili delle risorse umane incaricati di selezionare nuovo personale utilizzano sempre più di frequente la parola skillato, preferendola agli ormai semi-obsoleti “esperto” e “qualificato”. Spesso in italiano ci si affida a parole straniere, talvolta senza un ragionevole motivo: è ben nota la predilezione dello Stivale per le lingue straniere, prima fra tutte l’inglese, ma viene da chiedersi perché… Sfiducia nei confronti della lingua italiana? Nei confronti delle sue capacità, o meglio, skill, di esprimere concetti e di comunicare in maniera efficace? Una moda forse? O semplicemente il gusto dell’ “altro”? All’interno delle aziende e tra di esse si comunica sempre più spesso in inglese, quindi è inevitabile l’influenza di tale lingua, il cui utilizzo si rende altresì necessario a causa della forte internazionalizzazione dell’attività commerciale, che spinge all’uso massiccio di una lingua veicolare che faciliti la comunicazione. Tuttavia, qualunque sia la ragione, la lingua italiana si sta rapidamente equipaggiando di prestiti e adattamenti che da una parte le conferiscono un’aura di internazionalità e di freschezza, ma dall’altra di certo la impoveriscono, poiché spesso vanno a sostituirsi definitivamente ai termini italiani.

Da sottolineare tra l’altro, nel caso in questione, che la nostra lingua non ha “adottato” e – adattato – solo l’aggettivo skilled, ma anche il sostantivo correlato: insieme a skillato, anche le skill si stanno imponendo all’interno della lingua italiana. Ormai si vagliano sempre meno le capacità e le abilità di un lavoratore, che piuttosto viene esaminato, e magari assunto, sulla base di quelle skill che possiede e sfoggia nel proprio curriculum e che forse, chi lo sa, potrebbero fare la differenza rispetto a un lavoratore che possiede delle semplici competenze.

*Dottorato di Ricerca in “Economia quantitativa ed Eurolinguaggi per la sostenibilità del benessere” – Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8715 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

Monda: «Alla “Luigi Vanvitelli” un Master per il Benessere»

Maria Beatrice Crisci – L’Università della Campania “Luigi Vanvitelli” ha attivato la sesta edizione del Master in “Dietetica Applicata allo Stile di Vita” rivolto ai laureati in Medicina, Biologia, Biotecnologia,

Comunicati 0 Comments

Ricotta Dop, la pasticceria napoletana va al Sigep di Rimini

-Il Consorzio di Tutela della Ricotta di Bufala Campana Dop parteciperà al Sigep di Rimini, il più importante salone dedicato al Gelato Artigianale e all’Arte del Dolce, in programma da domani, 12 marzo, fino

Primo piano 0 Comments

Mondo Prezioso: trionfa il corallo al salone della Gioielleria italiana

In chiusura la grande rassegna di gioielleria italiana, in corso al Tarì di Marcianise. In questi giorni il Tarì offre la presenza di oltre 470 espositori (tra soci ed aziende ospiti)

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply