Un’Estate da Belvedere, Giovanni Allevi apre la rassegna

Un’Estate da Belvedere, Giovanni Allevi apre la rassegna

Redazione -Giovanni Allevi inaugura la nona edizione del festival “Un’Estate da BelvedeRE”. Giovedì 13 giugno alle ore 21 il pianista, compositore e direttore d’orchestra di esibirà al Belvedere di San Leucio a Caserta, con un concerto in piano solo. Un dialogo tra musica e parole, con alcune delle sue composizioni più amate: “Kiss me again”, “Japan” e “Back to Life”, oltre ai più recenti brani “Our future” e “Tomorrow”, inni internazionali delle Cop26 e Cop27. Quella di Caserta sarà la sua ultima esibizione prima di tornare in scena il prossimo autunno con un tour nei teatri.

Un’Estate da BelvedeRE – rassegna diretta da Massimo Vecchione e organizzata da Lwr S.r.l. in collaborazione con Ventidieci e il Comune di Caserta – ospiterà tra Belvedere di San Leucio e Piazza Carlo di Borbone (Reggia di Caserta) grandi artisti italiani e internazionali. Dal leggendario batterista dei Pink Floyd, Nick Mason al cantante britannico Tony Hadley, dalla PFM a Elio e le Storie Tese, Giovanni Allevi, Eduardo De Crescenzo, Ricchi e Poveri, Inti-Illimani. E ancora, i nomi più acclamati dalle nuove generazioni Fulminacci, Nayt e Kid Yugi e gli spettacoli di Paolo Crepet, Carolina Benvenga e Maurizio Casagrande.  Per arrivare ai grandi concerti di settembre davanti alla Reggia di Caserta con Gigi D’Alessio (5 sere), Il Volo, Antonello Venditti e Umberto Tozzi.

Compositore e pianista di fama internazionale, Giovanni Allevi è responsabile di un profondo rinnovamento della musica colta, riportando l’arte della composizione all’attenzione delle nuove generazioni. È diplomato in Pianoforte e in Composizione ed è laureato in Filosofia con la tesi “Il vuoto nella Fisica Contemporanea”.

Ha calcato i palchi delle più importanti sale da concerto del mondo, dalla Carnegie Hall di New York al Teatro alla Scala di Milano, fino all’Auditorium della Città Proibita di Pechino. Grazie al suo impegno intellettuale, è punto di riferimento filosofico sui concetti di innovazione e analisi del cambiamento.

Il suo ultimo libro è intitolato “Le regole del Pianoforte – 33 note di musica e filosofia per una vita fuori dall’ordinario” (Ed. Solferino). 

Numerose sono le tesi di laurea a lui dedicate. Cavaliere della Repubblica Italiana per meriti artistici e culturali, è Stella d’Oro al Valor Mozartiano, Premio Falcone e Borsellino, ed Ambassador di Save the Children, in prima linea nella difesa dei diritti dei più piccoli. Ha ricevuto apprezzamenti di stima da Papa Benedetto XVI, Papa Francesco, dal Premio Nobel Mikhail Gorbaciov. L’Agenzia Spaziale Americana NASA gli ha intitolato un asteroide: giovanniallevi111561. È autore e conduttore di un’innovativa e pluripremiata docuserie in onda su Rai Play: “Allevi in the jungle”. Dalle note dell’ultimo singolo Our Future” (https://youtu.be/76C5cn9jQKQdedicato al Pianeta, è partita la collaborazione del compositore con Earth Day European Network, che lo vede coinvolto come Ambassador della più importante iniziativa green dedicata alla Terra. Il Maestro Allevi è stato insignito del titolo di Ambassador per il suo ruolo di divulgatore presso i giovani, grazie al suo impegno intellettuale e al suo talento artistico espressione di un linguaggio universale.

#GiovanniAllevi #IoAspettoAllevi

About author

You might also like

Primo piano

Caro prof ti scrivo. Premio Oreste Russo al Terra di Lavoro

Nell’Aula Magna dell’Istituto “Terra di Lavoro” di Caserta, dirigente scolastico Emilia Nocerino, ha avuto luogo la cerimonia per l’assegnazione della quarta edizione del premio “Oreste Russo”, dedicato alla memoria dell’indimenticato docente

Comunicati

Polizia di Stato, in Cattedrale celebrato il Patrono San Michele

(Comunicato stampa) – Nella mattinata odierna, presso il Duomo di Caserta, si sono tenute le celebrazioni di San Michele Arcangelo, Patrono della Polizia di Stato. La funzione religiosa, officiata dal

Primo piano

Il Natale a Caserta. Torna il Presepe Vivente a Vaccheria

-Gli eventi natalizi a Caserta saranno nel segno di Luigi Vanvitelli, il genio che, con il suo talento visionario, ha scritto la storia della città e di cui quest’anno si