Venerdì santo a Casagiove, a “30 Allora” sulla Via Crucis laica

Venerdì santo a Casagiove, a “30 Allora” sulla Via Crucis laica

-Una Via Crucis laica. Un percorso di quindici storie su quindici figure diverse che hanno vissuto in trincea la pandemia da Covid. Dopo un anno di tragedia, tra gli attori della compagnia teatrale “30 Allora” di Casagiove è nata l’esigenza di raccontare. Questa necessità è stata trasfusa in un video-documento che sarà pubblicato sulla pagina Facebook dell’associazione il 2 aprile, venerdì santo, alle 21. «Abbiamo provato a immaginare le loro esistenze. Il video è un omaggio a chi vive questa guerra in prima linea e chi fa da spettatore, mentre osserva la propria vita scorrere dietro le finestre chiuse». Conoscere da vicino l’impegno di un medico, di un insegnante, di un alunno, che vanno ben oltre l’arco di un giorno. Conoscere da vicino il dolore di un musicista, di un attore, di un tecnico delle luci, che vanno ben oltre la perdita del lavoro. Provare a immedesimarsi fa male, «ma le parole – spiega Russo – sono il solo modo che abbiamo per esprimere gratitudine, nonostante tutto. Il solo modo di rompere il silenzio delle strade deserte. Proprio per questo parleremo di noi, parleremo di voi». Le 15 storie, 15 come le stazione che Cristo percorse con la croce sulle spalle verso il Calvario e verso la resurrezione, s’intrecciano come fili della storia di ognuno, della convivenza forzata con il virus. «Noi – aggiunge Russo –, che siamo soliti strappare un sorriso, vogliamo approfittare della Pasqua, senza denudare della sua sacralità, per dare voce alla sofferenza altrui, per esprimere una vicinanza universale con l’augurio sincero che per tutti sia rinascita». I brani, tutti scritti da Valeria D’Amore, Mena De Filippo, Chiara Santoro e Francesco Pisano, oltre che dagli autori, saranno interpretati da Vincenzo Russo, Carla Lettiero, Stefano D’Ambrosio, Bruno Massaro, Goffredo Laugeni, Michela Perrotta, Vincenzo Masiello, Fabrizio Cinque, Simona Campanile, Alessia Tiscione, Tina Dello Stritto e da Raffaele Cepparulo. Le musiche sono di Marco Mantovanelli, la regia di Russo, la scenografia di Giuseppe Petriccione. Sullo sfondo, un quadro sulla pandemia dell’artista Cira Plebe. Il video-documento rimarrà visibile sulla Pagina (https://www.facebook.com/30Allora) anche dopo Pasqua.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7297 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

CortiSonanti, la sperimentazione video nel festival al PAN

Il Festival di cortometraggi, nato nel 2010 da un’idea di Mauro Manganiello e Nicola Castaldo, accoglie lavori editi e inediti, lasciando ai partecipanti piena libertà sulle tematiche da trattare. Mira

Primo piano 0 Comments

OndaWebinLove per San Valentino, l’amore ai tempi dei social

San Valentino non è solo la festa dei fidanzatini, è l’occasione per parlare di amori e di passioni, che coinvolgono la persona umana, Sono innamoramenti nei riguardi dell’altra e dell’altro,

Spettacolo 0 Comments

“Ruccello per noi”, una no-stop al Teatro Nuovo di Napoli

Autore di culto ed esponente di spicco della “nuova drammaturgia napoletana”, Annibale Ruccello ha saputo dare un contributo unico alla scena teatrale, mescolando alla cultura partenopea gli influssi del teatro d’avanguardia.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply