Vigilia di Natale a tavola. Il baccalà, tra storia e tradizione

Vigilia di Natale a tavola. Il baccalà, tra storia e tradizione

Luigi Fusco

-La sera della Vigilia di Natale, non può mancare, in occasione del tanto atteso cenone, il baccalà, considerato, al riguardo, tra le portate principali. Fritto o in bianco, magari all’insalata, la sua presenza, nel tradizionale menù natalizio campano e italiano in generale, ha origine antiche. Trattasi di un merluzzo proveniente dalle fredde acque della Norvegia che, una volta pescato, viene messo ad essiccare su alte strutture di legno. Furono i popoli provenienti dal nord Europa, nello specifico i vichinghi, che, nel IX secolo, cominciarono a diffonderlo, attraverso i loro commerci, nel resto del continente europeo. I norreni della Scandinavia, in particolare, furono i primi ad adottare nuove tecniche di trasformazione del baccalà, in modo da garantirne una maggiore conservazione, così da consentirne il trasporto nei lunghi viaggi in mare che affrontavano a partire dalla primavera.

In area mediterranea, il baccalà venne importato da un nobile ammiraglio veneziano dopo che era naufragato, nel 1432, in acque norvegesi. Piero Querini, questo era il suo nome, ammirò molto la tecnica di essicazione al vento adottata per questo pesce. Al suo ritorno a Venezia, ebbe modo di presentarne le sue qualità, intese in termini di gusto, e la sua convenienza economica. La sua fortuna gastronomica, invece, giunse a seguito dei dettami sanciti con la controriforma avanzata dalla Chiesa di Roma. Nel corso del Concilio di Trento, il 4 di dicembre del 1563, venne emanato un decreto che regolava i digiuni e le astinenze dalle carni, previsti il mercoledì, il venerdì, in tempo di Quaresima e nei periodi delle feste comandate. Questa mutata condizione alimentare favorì, fortemente, l’ascesa del baccalà, la cui consumazione venne, inoltre, promossa dall’arcivescovo Olao Magno, presule svedese, nonché umanista e geografo, che aveva partecipato in maniera attiva al concilio tridentino. Al riguardo, nella sua pubblicazione sul culto di Santa Brigida, scritta qualche anno prima, aveva dedicato al merluzzo secco delle sue terre ampie pagine, descrivendolo come alimento ideale per le cene delle vigilie sacre, poiché le sue carni conciliavano l’anima e il palato.

A partire dalla fine del XVI secolo, il baccalà divenne l’emblema della dieta “di magro”, il cibo dei poveri, il pesce destinato a coloro che vivevano lontano dal mare e che non potevano permettersi quello fresco, appena pescato. Per lungo tempo, esso ha rappresentato la miseria, così come la privazione, e pertanto è stato considerato un simbolo religioso di grande importanza. Soltanto dopo molti secoli, il baccalà è approdato sulle tavole dei ricchi, ma mantenendo i suoi tradizionali metodi di preparazione; diversamente, i suoi costi sono notevolmente lievitati e da pietanza povera, quale era, oggi è diventato un vero e proprio lusso che ci si può permettere soltanto durante il periodo delle festività natalizie.

Luigi FuscoDocente di italiano e storia presso gli Istituti Superiori di Secondo Grado, già storico e critico d’arte e guida turistica regione Campania. Giornalista pubblicista e autore di diversi volumi, saggi ed articoli dedicati ai beni culturali, alla storia del territorio campano e alle arti contemporanee. Affascinato dal bello e dal singolare estetico, poiché è dal particolare che si comprende la grandezza di un’opera d’arte.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6799 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità

Aorn Caserta. Arrivati i tir, l’ospedale modulare prende forma

Maria Beatrice Crisci – Sono arrivati stamattina alle 7 i primi tir con le strutture da montare per l’ospedale modulare che sta sorgendo in un’area attigua al nosocomio di Caserta

Primo piano

“Così fan tutte”, la Napoli di Mozart protagonista al San Carlo

Giuseppe Iaculo * – L’amore “trovato” viene sacrificato per un amore “promesso” da Fiordiligi e Dorabella, le due fanciulle che abbandonano i sogni e il pensiero magico dell’infanzia, attraversando la

Primo piano

No alla violenza sulle donne, la Fabbrica Wojtyla al Don Bosco

Claudio Sacco  – E’ per sabato 30 novembre alle ore 21 al Teatro Don Bosco dei Salesiani di Caserta “Cinque giorni dopo”. Ovvero teatro-incontro con la città, i suoi giovani, le istituzioni e le

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply