Violante Placido, io madre coraggio nel corto Hand in the Cap

Violante Placido, io madre coraggio nel corto Hand in the Cap

Maria Beatrice Crisci

 – «Non ho subito dato Schermata 2019-06-19 alle 15.59.37una risposta appena mi è arrivato l’invito ad interpretare questo ruolo. E’ comunque un tema particolare. Mi sono informata e mi sono resa conto che sono davvero tante le famiglie che vivono questo problema nell’ombra, in solitudine». E’ l’attrice Violante Placido ai microfoni di ondawebtv a raccontare la sua esperienza da protagonista del cortometraggio “Hand in the Cap” diretto da Adriano Morelli e scritto da Nicola Guaglianone e Chiara Lalli. Il suo è stato un ruolo non certo facile. Il film infatti affronta il difficile e delicato tema della relazione tra sessualità e disabilità, un vero e proprio tabù in Italia. La storia è quella di una madre, interpretata da Violante Placido, che guiderà suo figlio, che soffre di una grave disabilità motoria con danni neurologici, a gestire il suo impulso sessuale. Il protagonista, Andrea, è un giovane di Maddaloni affetto, sin dalla nascita, da una tetraparesi spastica.

Incontriamo Violante Placido all’ombra della Reggia di Caserta. In una location incantevole come è quella dell’Artistic Charming House. Ci accoglie Annamaria Pezone, padrona di casa impeccabile. In serata la proiezione al Duel Village di Caserta Il film – prodotto dalla Sly Production di Silvestro Marino in collaborazione con la O’Groove di Pierpaolo Verga ed Edoardo De Angelis. L’altro protagonista è Andrea Quintavalle. I suoi genitori, Domenico Quintavalle e Genoveffa Di Nardo, hanno accettato che prendesse parte alla lavorazione del corto con la speranza di poter finalmente riaprire il dibattito sul “diritto alla sessualità”.

Come è stato in scena? «E’ stato un percorso breve ma molto intenso anche perché il regista ha scelto un ragazzo con problemi neurologici e motori importanti. Non un attore. Ho avuto modo di conoscerlo. E devo dire che mi ha dato tanto. Anche la sua famiglia che ho conosciuto è straordinaria. Era bellissimo vedere come era attaccato ai suoi genitori, l’amore verso di loro. Un’esperienza che mi ha arricchito come persona e come attrice. E poi, trovo che sia importante parlare di questo tema per farlo conoscere a più persone». Lo scopo è sicuramente quello di sensibilizzare le persone su questo argomento? «Certo! E’ un corto che apre comunque un dibattito. E naturalmente permette di conoscere qualcosa che fino ad allora era sconosciuta». E Violante Placido come mamma? Qual è stata la sua reazione? «Mi sono detta “cosa farei”? Ancora oggi me lo chiedo. Certo, dopo questa esperienza non giudicherei il gesto di questa mamma perché bisogna trovarsi in quelle situazioni e rispettare questa realtà e non giudicarla». Va ricordato che sono tante infatti le famiglie in Italia che confidano nell’approvazione della nuova proposta di legge, presentata in Parlamento tre mesi fa, che prevede l’introduzione della figura dell’assistente all’emotività, all’affettività e alla sessualità’.

 

 

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7642 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Dimension, l’arte del giapponese Aisu da Centometriquadriarte

Claudio Sacco -“Dimension” è il titolo della personale dell’artista giapponese Hirotsugu Aisu che si inaugura sabato 29 maggio 2021 dalle 18 alle 20,30 presso la Galleria Centometriquadri Arte Contemporanea di Santa Maria Capua Vetere (via Santagata, 14), guidata da Sergio

Attualità 0 Comments

La Lipu Caserta in cerca di volontari per l’oasi Salicelle

(Luigi D’Ambra) – “Giornata fruttuosa per  la Lipu, lega Italiana Protezione Uccelli Caserta e Casapesenna che con il valido aiuto degli operatori ed i ragazzi del Cidis-Onlus hanno fatto un

Attualità 0 Comments

Femminile e plurale, la Cgil Caserta discute di parità e diritti

Claudio Sacco – La Cgil di Caserta ha organizzato per domani martedì 12 ottobre alle 16.30, a Palazzo Paternò di Via San Carlo a Caserta, un incontro su uguaglianza di

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply