Voci, rumori e segni. Il Settembre al Borgo di Avitabile

Voci, rumori e segni. Il Settembre al Borgo di Avitabile

Maria Beatrice Crisci

– «Settembre al Borgo quest’anno vuole narrare la libertà dei popoli, il morire e lasciare qualcosa che resti di giorno in giorno nel cuore del popolo: un omaggio alla vita». Con queste parole il maestro Enzo Avitabile, direttore artistico del Settembre al Borgo 2018 alla conferenza stampa stampa di presentazione della rassegna nella Sala Giunta del Comune di Caserta. Conferenza stampaDa mercoledì 5 a lunedì 10 settembre 2018, con anteprima il 4, il borgo di Casertavecchia si trasformerà in un grande teatro a cielo aperto. La manifestazione è organizzata dall’assessorato agli Eventi del Comune di Caserta e da Promomusic Italia e cofinanziato dal POC Campania 2014-2020 Linea Strategica 2,4. Rigenerazione urbana, politiche per il turismo e cultura. Ad illustrare il ricco programma di eventi con il direttore artistico Avitabile e il sindaco di Caserta Carlo Marino, l’assessore agli Eventi, Emiliano Casale, l’assessora alla Cultura, Tiziana Petrillo e Luigi Ferraiuolo curatore della sezione dedicata ai libri e alla letteratura “Scritture – Il Sud non è magia”. Avitabile ha poi aggiunto:«Settembre al Borgo vuole essere un grande evento legato eminentemente alle tradizioni, all’arte e ai linguaggi del mondo nel “nuovo tempo”. Il ricco patrimonio di Caserta e delle culture popolari della “Campania Felix” è quasi una preistoria del sapere urbano, una vera e propria anticipazione, i cui successivi sviluppi si sono protratti fino a noi. Un grande festival, ideato e realizzato per raccogliere migliaia di persone, provenienti da luoghi diversi, alimentate a musica, letteratura e arti figurative. Quest’anno si celebrerà con questo grande incontro, un raduno spontaneo dedicato all’amore per le differenze e all’accoglienza. “Settembre al borgo” quest’anno vuole narrare la libertà dei popoli, il morire e lasciare qualcosa che resti di giorno in giorno nel cuore del mondo: un omaggio alla vita». casale-avitabile-ferraiuolo-petrilloPer il Sindaco Carlo Marino:«Quella di oggi è una giornata molto importante, in cui presentiamo la 46esima edizione di quello che è il Festival per eccellenza, una manifestazione in cui vengono rappresentate al meglio la nostra cultura e le nostre tradizioni. Ringrazio la Regione Campania che ci ha consentito di recuperare questa straordinaria kermesse che negli anni scorsi era stata abbandonata. Per il secondo anno consecutivo il Comune di Caserta organizza il Settembre al Borgo e già stiamo pensando alla 47esima edizione, quella del 2019. Dobbiamo partire da questo eccezionale evento culturale per poter rilanciare e costruire una società migliore per questo meraviglioso territorio». Per l’Assessore agli Eventi Emiliano Casale: «In tempi strettissimi siamo riusciti ad organizzare questo Festival e ad offrire alla cittadinanza un evento tra i più importanti nel panorama campano e non solo. Il nostro obiettivo è continuare a sviluppare il Settembre al Borgo non solo a Casertavecchia ma anche in tutte le altre frazioni collinari. Il cartellone approntato dal direttore artistico, il maestro Enzo Avitabile, è di grande livello, nonostante il budget a disposizione sia di quattro volte inferiore a quello di qualche anno fa». Per l’Assessora alla Cultura Tiziana Petrillo: «Come cittadina casertana, prima ancora che come assessora, sono orgogliosa di quanto il Comune sia riuscito a fare in questa occasione. Settembre al Borgo rappresenta l’assoluta eccellenza, il punto di riferimento per la cultura a Caserta. Trovo eccezionale questo cartellone, che riesce a mettere insieme, ai massimi livelli, diverse forme di cultura. Sono particolarmente lieta dell’evento ‘Il Sud non è magia’, dedicato ai libri e alla scrittura, che porterà nel Borgo grandi scrittori e giornalisti, oltre a tante eccellenze casertane e a giovani talenti nostrani». Per Luigi Ferraiuolo curatore della sezione “Scritture”: «Il Sud non è Magia non è un semplice contenitore di libri, ma è il tentativo di far riflettere Caserta su un’idea su cui noi possiamo essere assolutamente i titolari. Caserta può essere l’incubatore culturale di tutto il Mezzogiorno. L’obiettivo è tentare di costruire una nuova rappresentazione di quella che era la concreta e fattiva Magna Grecia degli antichi ed oggi è il nostro Sud».

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8264 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Attualità 0 Comments

Covid-19. Vigili del fuoco, sanificazione del centro di Caserta

Claudio Sacco – Il Comando Vigili del Fuoco di Caserta fa sapere che a seguito di accordi con la Prefettura ed il Comune di Caserta, a partire da oggi (sabato 11

Cultura 0 Comments

Sant’Arpino, il Consiglio Comunale onora il “suo” Dario Fo

Una seduta straordinaria del Consiglio Comunale per ricordare solennemente il Premio Nobel Dario Fo, “Cittadino Onorario di Sant’Arpino” e “Ambasciatore nel mondo delle Fabulae Atellanae”, si terrà domenica mattina 16

Comunicati 0 Comments

Napoli. Trianon Viviani, è Nicola Piovani a riaprire le porte

Sabato 29 maggio, alle 20, il Trianon Viviani riaprirà le porte ai suoi spettatori con un concerto speciale di Nicola Piovani. Lo spettacolo si terrà nel rispetto di tutte le norme di sicurezza,

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply