Welcome Twenty/Twenty, nuovo anno in arte all’Opificio Puca

Welcome Twenty/Twenty, nuovo anno in arte all’Opificio Puca

Claudio Sacco

– L’ OpificioPuca centro per l’arte contemporanea e galleriastudiolegale inaugurano venerdì 3 gennaio 2020, la stagione espositiva con nuovi spazi, nuove opere e con Rebirthing, una performance visivo-sonora di Maria Giovanna Abbate e degoya.

In mostra i lavori  di Teresa Antignani, Valentina Biasetti,  Francesco Capasso, Pietro Capogrosso, Alessandro Del Gaudio, Francesca Dondoglio, Federico Fusi, Tamara Gobronidze, Kinu Kamura, Liana Gukasyan, Paolo Laudisa, Giovanni Odierna, Pietro Maietta, Rosanna Pezzella, Annamaria Natale, Francesca Rao, Massimiliano Sbrescia, Nicola Verlato.

REBIRTHING

performance visivo-sonora, 3 azioni da 10’, 2019 Maria Giovanna Abbate > degoya

Rebirthing è una performance visivo-sonora, pensata come site specific per gli spazio dell’Opificio Puca, nata dall’incontro tra Maria Giovanna Abbate, artista visivo, e il collettivo di musicisti degoya (Francesco Di Cristofaro, Andrea Laudante, Gabriele Tinto).

Un percorso costruito sul respiro, quello della natura e dell’uomo, dalla pianta di bambù allo strumento meccanico, dalla voce che recita suoni alla rielaborazione elettronica, dai movimenti del corpo che generano immagini ai filiformi versi intessuti di fasci di luce. Una metamorfosi del respiro che a partire dalle viscere della terra diventa eco visivo.

Quattro ambienti separati che dialogano tra loro nel chiuso degli occhi, come se nelle scatole/stanze oscurate si recitassero suoni e svelassero immagini che provengono non si sa bene da dove; come se i quattro artisti si muovessero al buio sul baratro di un burrone, in bilico tra la contemplazione della fine e l’inquietudine di un inizio che non arriva mai.

Maria Giovanna Abbate vive e lavora a Firenze, da alcuni anni ha intrapreso un percorso di ricerca performativa e installativa nel campo delle arti visive. Un fare arte che nasce dalla necessità di resistere alla deriva della società contemporanea.

degoya: Francesco di Cristofaro, strumenti a fiato, Gabriele Tinto, percussioni ed oggetti, Andrea Laudante, elettronica

La parola “Goya”, letteralmente “come se / come fosse”, descrive la sospensione dell’incredulità che può manifestarsi attraverso una buona narrazione. degoya è uno spazio in cui si cerca, attraverso l’indagine sonora, la sospensione del giudizio.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6116 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Reggia, nuove mappe per promuovere il turismo di prossimità

Claudio Sacco (foto Ciro Santangelo) -Mappe di orientamento, ricche di dettagli e curiosità, consultabili e scaricabili da oggi sul sito della Reggia di Caserta all’indirizzo  https://www.reggiadicaserta.beniculturali.it/nuove-mappe/​ Nell’ambito delle iniziative di promozione e comunicazione

Primo piano

La mafia è buona! Il libro di Catello Maresca e Paolo Chiariello

Claudio Sacco – E’ per questo pomeriggio alle 19 a Santa Maria Capua Vetere la presentazione del libro del sostituto procuratore Catello Maresca e del giornalista Paolo Chiariello dal titolo

Spettacolo

Teatro Comunale Caserta, vanno in scena Le regole per vivere

Magi Petrillo  – Da venerdì 22 a domenica 24 novembre sul palcoscenico del Teatro Comunale Costantino Parravano di Caserta Gli Ipocriti Melina Balsamo e Teatro Stabile di Verona in collaborazione con Teatro Ambra Jovinelli

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply