Terapia del dolore, l’Ospedale di Caserta punta alla qualità della vita

Terapia del dolore, l’Ospedale di Caserta punta alla qualità della vita

-In concomitanza della XXII Giornata Nazionale del Sollievo, che sarà celebrata domenica 28 maggio, l’Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione “Sant’Anna e San Sebastiano” di Caserta conferma l’impegno nella lotta al dolore cronico, potenziando il settore della Terapia del Dolore e migliorandolo anche sul piano dell’accoglienza logistica con il trasferimento, a breve, dell’ambulatorio in locali ammodernati nell’edificio F.

Afferente all’Unità operativa complessa di Anestesia e Rianimazione, diretta dal dott. Pasquale De Negri, il settore della Terapia del Dolore dell’AORN di Caserta svolge, nell’ambito della relativa Rete ospedaliera regionale della Campania, un’attività prevalentemente incentrata sulla valutazione e sul trattamento del dolore cronico, oncologico e non oncologico.

La gestione del paziente affetto da dolore cronico è assicurata in regime ambulatoriale, per le prestazioni di diagnosi e terapia farmacologica, e in regime di ricovero, per le prestazioni a carattere interventistico o mininvasivo, nel caso in cui sia necessario eseguire interventi di terapia antalgica maggiore. Le metodiche principalmente praticate nell’Azienda Ospedaliera di Caserta sono la neuromodulazione elettrica, come la radiofrequenza e la stimolazione midollare, o farmacologica, come il posizionamento di pompe intratecali. Una particolare attenzione è riservata al trattamento del dolore oncologico, refrattario alle terapie convenzionali, con il ricorso a tecniche mininvasive anche di tipo neurolesivo.

Il dolore cronico -sottolinea il dott. De Negri- è disabilitante e debilitante. Le manifestazioni più comuni sono rappresentate dal cosiddetto “mal di schiena”, da cefalea, cervicalgia, fibromialgia, dolori correlati a degenerazione osteoartrosica, neuropatie centrali e periferiche, come la nevralgia trigeminale e la neuropatia diabetica periferica. Si stima -aggiunge- che in Campania siano 600mila le persone con dolore cronico che riportano una sintomatologia dolorosa da moderata a grave e 250mila quelle che sviluppano dolore oncologico localizzato o diffuso. Trattando il dolore cronico e il dolore oncologico con una terapia adeguata -evidenzia il direttore dell’Uoc di Anestesia e Rianimazione dell’AORN di Caserta- consentiamo ai pazienti di non soffrire o soffrire di meno, migliorando significativamente la qualità della loro vita quotidiana”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9687 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Prevenzione incendi boschivi, la protezione civile si presenta

– Si è tenuta stamani nella piazza antistante la Prefettura la manifestazione dedicata alla prevenzione degli incendi boschivi in provincia di Caserta. All’incontro hanno partecipato il prefetto Giuseppe Castaldo, il

Comunicati

Napoli, al Teatro Nuovo Elio Germano in un Pirandello virtuale

– Mercoledì 3 novembre al Teatro Nuovo Napoli va in scena “Così è (o mi pare)” adattamento e regia Elio Germano. L’artista romano reinventa a teatro l’opera di Luigi Pirandello con

Primo piano

Movida violenta. L’appello del vescovo Lagnese alle istituzioni

-No alla movida violenta, no al vuoto educativo, no al gioco d’azzardo incontrollato, alla ludopatia senza rete, anche se legale, che fa spendere nella sola Diocesi di Caserta un milione