Ali Spezzate. All’Istituto Giordani di Caserta il libro di Paolo Miggiano

Ali Spezzate. All’Istituto Giordani di Caserta il libro di Paolo Miggiano

“Ali Spezzate. Annalisa Durante. Morire a Forcella a quattordici anni”. Questo il titolo del nuovo libro di Paolo Miggiano, con prefazione del giornalista Gigi Di Fiore e l’introduzione del Ministro della Giustizia Andera Orlando e di Paolo Siani Presidente della Fondazione Pol.i.s., verrà presentato a Caserta presso l’Istituto “Francesco Giordani” (Istituto Tecnico Industriale – Liceo Scientifico opzione Scienze applicate) giovedì 5 maggio alle ore 10.

L’incontro sarà introdotto dalla dirigente scolastica Antonella. Con l’autore, ne discuterà il Magistrato Egle Pilla. Testimonianza della Signora Lucia Di Mauro. Il dibattito sarà moderato dalla giornalista Maria Beatrice Crisci.

Il libro, edito dalla casa editrice Crispino Di Girolamo Editore, per la collana Linea di difesa, diretta dallo stesso Paolo Miggiano, è vincitore del secondo premio per la saggistica del Nabakov 2015, Premio della Cultura Trofeo Medusa Aurea 2015-2016 dell’Accademia Internazionale d’Arte Moderna di Roma, Premio Gran Prix Carmela Rocco di Nola e finalista del Premio Nicola Zingarelli di Cerignola.

In un Paese normale, quando hai quattordici anni, quello che accade fuori da te, non dovrebbe avere molta importanza. Annalisa Durante, uccisa a Forcella in un agguato di camorra il 27 marzo del 2004, con quello che accadeva nel suo quartiere da circa sessant’anni non c’entrava proprio niente, eppure è stata uccisa e con lei il suo futuro. Nella storica roccaforte della famiglia camorristica dei Giuliano c’è un conflitto tra clan. Annalisa a questa guerra è estranea. Una sera di primavera viene colpita a morte da un proiettile, esploso ad altezza d’uomo dall’ultimo erede del clan Giuliano.
“Ali spezzate” non racconta solo il crudele assassinio di Annalisa, non si limita a tracciare la geografia di due clan della camorra che da anni si fanno la guerra, ma è anche una lucida analisi dell’abbandono e del degrado sociale e culturale in cui, da più di mezzo secolo, la classe dirigente e politica napoletana ha relegato i quartieri popolari di una delle città più importanti d’Europa. Il libro è il racconto di un’altra rivoluzione partenopea mancata, ma anche dello straordinario impegno di Giovanni Durante, il papà di Annalisa, rimasto a Forcella, per il riscatto culturale e sociale del quartiere.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 7143 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Cultura

Prometeo. La Fondazione Mario Diana punta sui giovani. Venerdì c’è Preziosi

“Riconoscere all’istruzione una forza motrice capace di favorire lo sviluppo personale, economico e sociale”. Sin dalla sua istituzione, nel 2013, la Fondazione Mario Diana ha deciso di puntare gran parte del

Primo piano

Maestri alla Reggia. Chiusura con Giovanni Veronesi

(Maria Beatrice Crisci) – Con il regista Giovanni Veronesi si chiude il secondo ciclo di “Maestri alla Reggia”, la rassegna sui grandi autori del cinema italiano dell’Università Vanvitelli, un progetto

Primo piano

Che Storia, omaggio a Eric Carle il papà del piccolo bruco

Maria Beatrice Crisci -La libreria Che Storia di via Tanucci 83 a Caserta rende omaggio a Eric Carle, scrittore e illustratore statunitense noto soprattutto per il libro “Il piccolo Bruco

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply