Book sculpture, i personaggi della letteratura prendono vita

Book sculpture, i personaggi della letteratura prendono vita

Angelo Riccioni*

È sufficiente digitare “book sculpture” sui maggiori social network per riceverne in cambio una miriade di immagini. Talvolta fili dorati rivelano la presenza di vecchie rilegature; cornici pastello racchiudono come strani caleidoscopi una folla colorata di figure di carta. Non è sempre immediato riconoscere dietro gli arabeschi di queste insolite sculture l’oggetto che dà il nome a tal tipo di arte: il libro. Non a caso spesso “book art” è usato come sinonimo di “book sculpture” (insieme alle espressioni, meno frequenti, di “altered book” eSchermata 2019-06-08 alle 15.19.24 “folded book”). Molti di tali pezzi vengono addirittura venduti sui siti per l’acquisto di prodotti fatti a mano, con una spiccata predilezione per opere ispirate a classici quali Alice’s Adventures in Wonderland e Moby Dick, che sembrano aprirsi direttamente sugli universi evocati dai loro creatori.

Si scorgono, dunque eroine, ritagliate dai romanzi delle Brontë, camminare sulla distesa innevata delle parole che per secoli le hanno evocate: la pagina. Candidi galeoni affrontano i marosi cartacei di qualche romanzo d’avventura, si tratti di Stevenson o di Salgari. Il biancore dei fogli ricorda la pietra per eccellenza adoperata nella scultura: il marmo. È logico dunque che castelli sottratti alle fiabe romantiche o ai conte de fées di Perrault sorgano sui frontespizi di moltissimi volumi, “book sculpture” nelle quali luci ingegnosamente collocate brillano sui davanzali di torri gotiche.

V’è, infatti, chi fa del libro una sorta di quinta teatrale, collocando vetrine e interni vagamente ottocenteschi nel frontespizio scavato di vecchi tomi d’enciclopedia, botteghe d’epoca nelle quali compaiono minuscole lampade ad olio e caminetti provvisti di tenui bagliori. In tal caso il ricordo va con naturalezza alle forme di intrattenimento predilette dal XIX secolo, tra le quali i teatrini di carta di cui erano appassionati fruitori i giovani Charles Dickens e G. K. Chesterton. Altre volte il gioco di piani e di linee è talmente raffinato da dare l’illusione di una mobilità ottenuta tramite elementi del tutto statici: da dettagliatissime vegetazioni sembrano balzare fuori tutti gli animali della foresta, o da un volume di botanica l’elenco colorato dei fiori che vi sono descritti. Al teatrino di carta si potrebbe dunque aggiungere come fonte d’ispirazione anche la lanterna magica, macchinario vittoriano che permise a molti bambini di proiettare sulle pareti delle stanze i momenti più avvincenti di Cenerentola o Peter Pan (non mancano nemmeno questi beniamini delle fate tra i soggetti scelti dagli artisti).

E l’impressione finale, infatti, è proprio quella di illustrazioni che prendono vita come in una sequenza animata, una fantasmagoria sorta direttamente da libri che sembrano essere stati ideati da Borges o da Calvino, “book sculpture” nei quali i personaggi della letteratura sono usciti per un attimo dalla loro prigione di carta per sbirciare il mondo dei volumi e delle cose.

 

*Angelo Riccioni Dottorato di Ricerca in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche Università degli Studi di Napoli “Parthenope”   

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9735 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Spettacolo

No al femminicidio, tra arte e musica alla galleria Artemi

Alessandra D’alessandro -Mostra d’arte contemporanea in Galleria Artemi del gruppo di artisti Itirenant Art contro il femminicidio. L’appuntamento è per oggi (25 novembre) alle 17,30 presso la sede di via

Generici

Riscrivo il finale, all’Ateneo Vanvitelli si conclude il progetto

Maria Beatrice Crisci -Giunge a conclusione il concorso di lettura e scrittura creativa «Riscrivo il finale», edizione 2023, promosso dall’università Vanvitelli, dipartimento di Lettere e Beni Culturali. Questa mattina alle

Primo piano

I Giovedì al Museo Campano. A Capua un ciclo di conferenze

Maria Beatrice Crisci – Prende il via a Capua il ciclo di incontri “I Giovedì al Museo Campano. Connessioni tra Miti e Storia dall’Antico al Contemporaneo”, promosso dall’Università Luigi Vanvitelli. L’iniziativa