Caserta, a scuola di teatro con Il Pendolo di Antonio Iavazzo

Caserta, a scuola di teatro con Il Pendolo di Antonio Iavazzo

Pietro Battarra

– “Da quasi venti anni esiste la Scuola di Teatro e Recitazione Il Pendolo, da me ideata e diretta e con sedi a Caserta e a Capua. Si tratta ormai di una realtà storica e consolidata ed è ritenuta una delle più accreditate iniziative in ambito pedagogico e formativo: artistico e professionale”. Così Antonio Iavazzo, attore e regista nonché ideatore della Scuola di teatro e recitazione che si prepara all’inaugurazione del nuovo anno accademico. L’appuntamento è per domani dalle 15 alle 19 presso il Sant’Antida per una lezione dimostrativa.  Iavazzo continua: “Ci sarebbe da chiedersi il perché oggi un giovane (ma anche meno giovane) dovrebbe scegliere il teatro e l’arte per formarsi. Ed è una domanda giustificata dato che il training teatrale rappresenta un percorso davvero duro e selettivo. Le risposte possono essere tante. Nulla come il palcoscenico, infatti, e a determinati livelli, tempra l’animo, il corpo e lo spirito come un laboratorio dove tutti i sensi devono essere ri-svegliati e presenti. Come afferma Bogdanov, prestigioso esponente della Biomeccanica Teatrale di Mejerchol’d, l’attore deve essere un “superuomo”. E, difatti, aggiungo io, deve poter piangere quando la sua vita gli suggerirebbe il contrario, ridere quando vorrebbe piangere, avere memoria e senso assoluto della prossemica, possedere un grande senso del ritmo, saper entrare esattamente in un contesto recitativo calandosi in molteplici e complessissimi stati d’animo, eliminare e far cadere tutte le proprie abitudini e schemi, fisici e mentali, acquisire apertura e disponibilità verso l’ignoto e la creatività, deve interagire con un altri colleghi secondo precise regole teatrali e di regia, padroneggiare la salute psicofisica e reggere ad ogni sorta di afflizioni e malattie, e tanto tanto altro”. Quindi, conclude: “Inoltre la scena diventa, per chi la pratica anche come un rito e come scelta di vita, un modo assolutamente nobile di vivere l’esistenza nel profondo rispetto di sé e degli altri, trovando motivi concreti nella capacità di rinnovarsi e di dare un senso alla propria esistenza. Infatti, come scrive Eugenio Barba,  Lo so, il teatro è un granello di sabbia nel vortice della storia e non cambia il mondo. Ma cambia noi”.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9736 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Festa dell’Assunta, i lavori degli artisti dedicati alla ricorrenza

Maria Beatrice Crisci -Nel giorno dell’Assunta i lavori dedicati alla ricorrenza degli artisti Battista Marello, Peppe Ferraro e Bruno Cristillo. La figura della Madonna evoca straordinarie immagini della storia dell’arte.

Primo piano

Premio Scuola Digitale, le scuole online per la finale regionale

Magi Petrillo Si svolgerà online quest’anno il Premio Scuola Digitale (PSD) 2019-2020 -Fase finale regionale. L’iniziativa che vede l’organizzazione dell’Itis Francesco Giordani diretto dalla vulcanica preside Antonella Serpico è per domani sabato 6 giugno