Caserta, pronti 2 milioni per il sostegno alle fasce deboli

È stato approvato un decreto ministeriale per l’attuazione del cosiddetto SIA (Sostegno all’Inclusione Attiva), un sistema che prevede l’erogazione di un sussidio economico a nuclei familiari con minori in condizioni di povertà, condizionale all’adesione ad un progetto di attivazione sociale e lavorativa. Questo decreto prevede lo stanziamento di 2 milioni di euro per l’Ambito Territoriale C1, di cui Caserta è capofila, di finanziamenti a valere sul Fondo Sociale Europeo, programmazione 2014-2020, Pon “Inclusione”, destinati a iniziative da presentare entro il 31 dicembre 2016.

I Comuni capofila degli Ambiti Territoriali, quindi, dovranno presentare i loro progetti per la realizzazione di interventi di attuazione del SIA (Sostegno per l’Inclusione Attiva), con azioni da effettuare nel campo del rafforzamento dei servizi sociali o con interventi mirati nel settore socio-educativo e di attivazione lavorativa e in materia di promozione di accordi di collaborazione in rete. L’Ambito C1, oltre a Caserta, che è capofila, comprende anche i Comuni di San Nicola La Strada, Casagiove e Castel Morrone. I cittadini potranno presentare la richiesta per il SIA dal 2 settembre. I richiedenti devono avere nel nucleo familiare almeno un minore o un disabile o una donna in stato di gravidanza e un ISEE inferiore o uguale a 3mila euro. Inoltre, chi fa richiesta non deve beneficiare di altri trattamenti economici rilevanti, di strumenti di sostegno al reddito dei disoccupati, non deve essere proprietario di beni durevoli di valore. Il beneficio mensile va dagli 80 euro per un nucleo familiare composto da una sola persona fino ai 400 euro per un nucleo di 5 o più membri.

Il SIA è un modello di riferimento tra i piani di lotta alla povertà a livello nazionale. Per accedervi è necessaria una valutazione multidimensionale del bisogno dei membri del nucleo familiare e la costruzione di un patto con i servizi. Tale patto implica, da parte dei servizi, una presa in carico nell’ottica del miglioramento del benessere della famiglia e della creazione di condizioni per l’uscita dalla condizione di povertà e prevede, da parte dei beneficiari, una adesione al patto con la conseguente adozione di una serie di comportamenti virtuosi quali, ad esempio, la ricerca attiva del lavoro, la partecipazione a progetti di inclusione lavorativa (tirocini, borse di lavoro ecc.), la frequenza scolastica dei figli minori, l’adesione a specifici percorsi eventualmente individuati dai servizi specialistici (ad esempio: comportamenti di prevenzione e cura volti alla tutela della salute, percorsi di fuoriuscita dalle dipendenze ecc.).

“Con questo decreto – ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino – abbiamo un’importante possibilità di realizzare progetti a sostegno delle fasce più disagiate. Come capofila Caserta coordinerà l’attività degli altri Comuni appartenenti all’Ambito Territoriale C1 e non ci lasceremo sfuggire questa opportunità. La protezione sociale, con la tutela dei più deboli, – ha concluso Marino – è la nostra assoluta priorità”.

Fonte: Comunicato stampa

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8830 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Da San Marcellino a Dubai, il manager internazionale Coviello

Alessandra D’alessandro – Suo padre è uno storico capostazione di San Marcellino. Lui, Armando Coviello, figlio di Maria Rosaria Scalera e Antonio Coviello, ora è un manager a tutti gli

Primo piano

Vaccini in tour, l’obiettivo è rendere Baia Domizia covid-free

Luigi Fusco – Vaccini in tour per una vacanza all’insegna del contrasto alla pandemia di coronavirus. A Baia Domizia sud, presso l’Arena dei Pini, sarà presente, nei giorni 17 e

Primo piano

L’esercito del selfie sbarca a Caserta, con convegno e mostra

Pietro Battarra – La SFC, ovvero la Società Fotografica Casertana, festeggia quest’anno i suoi venti anni di attività e per l’occasione promuove un confronto e una riflessione sul significato del mezzo fotografico nella