E-boy/E-girl, un tuffo nel futuro con sguardo verso il passato

E-boy/E-girl, un tuffo nel futuro con sguardo verso il passato

Raffaele Pizzo*

-Nati dall’ormai in disuso Tumblr ed ispirati dalla cultura emo degli anni Ottanta e Novanta, i moderni E-boy ed E-girl spopolano sulla piattaforma più amata dalla Generazione Z, TikTok (Wondernet magazine 2021). Mentre le sottoculture del secolo scorso (punk, emo, teste rasate, metallari) invadevano piazze e strade sfoggiando i look più disparati in segno di ribellione, questa nuova estetica si concentra esclusivamente online, dove lo stile costruito e fittizio degli E-boy e delle E-girl (o E-kids raggruppandoli) si contrappone alla vita perfetta, reale e concreta mostrata dagli e dalle influencer. 

Da un punto di vista lessicologico entrambi i termini sono accomunati dalla “E” di “electronic” – letteralmente “ragazzi elettronici” e “ragazze elettroniche” –, la quale indica la stretta connessione di questo stile con il mondo digitale. Tuttavia, da un punto di vista diacronico i due termini seguono un percorso differente. La prima attestazione del termine “E-girl” viene fatta risalire agli anni Duemila, periodo in cui era principalmente impiegato in modo dispregiativo per far riferimento a ragazze online in mostra come se in cerca di approvazione dal sesso opposto. Il termine “E-boy” nasce invece intorno al 2010, ma è solo nel 2019 con il boom di TikTok che un maggior numero di ragazzi inizia ad appassionarsi a questo stile includendovi elementi del K-pop e della cultura skater.

Entrati appieno nella cultura degli E-kids è possibile descrivere con maggior precisione i loro rispettivi look (Vox 2019). Caratteristiche essenziali per qualsiasi E-boy che si rispetti sono l’essere glabro, l’indossare pantaloni neri attillati ed avere capelli di media lunghezza tinti o meno. A seconda dello stile che maggiormente li rappresenta, gli E-boy possono successivamente scegliere di indossare gioielli e catene come nella cultura punk, maglie oversize derivanti dalla cultura skater o optare per dei colori neutri seguendo la scia dei Soft-boy. Per quanto riguarda le E-girl, alcuni elementi fondamentali sono: calze a rete, minigonne e pantaloni a vita alta, maglie a righe indossate sotto magliette a manica corta, cinture e scarpe platform. Sebbene il trucco accomuni entrambi gli E-kids, le E-girl osano maggiormente con eyeliner spessi, blush evidente ad effetto “baciata dal sole” accompagnato da lentiggini disegnate e gocce, cuori o puntini sotto gli occhi. 

Per quanto l’esclusiva presenza degli E-kids in rete possa far pensare ad un allontanamento dalla realtà, caratteristica tuttavia fondamentale nella loro estetica, gli E-boy e le E-girl influenzano sia positivamente che negativamente gli adolescenti e l’intera società. Mentre, da un lato, le pose utilizzate nei video TikTok, l’influenza della cultura BDSM e l’eccessivo peso dato alla bellezza esteriore fanno riflettere sulla sessualizzazione incalzante dei corpi e della società, dall’altro, soprattutto gli E-boy, contribuiscono alla lotta contro stereotipi di genere e mascolinità tossica andando contro la cultura Lad, accogliendo positivamente un aspetto più androgino e presentando al mondo un nuovo fascino tutto al maschile. 

Tuttavia, manca nella lingua italiana un corrispettivo che possa sostituire gli anglicismi utilizzati per far riferimento a quest’ estetica. Optare per “ragazzi elettronici” non solo non costituirebbe un buon equivalente traduttivo ma renderebbe il referente ancora più astruso. Pertanto, dal momento che questo stile è nato e si è sviluppato online dove la lingua inglese fa da padrone, il ricorso agli anglicismi sembra la strada da intraprendere. 

*Dottorato in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche – Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

About author

Maria Giovanna Petrillo
Maria Giovanna Petrillo 49 posts

Magi Petrillo alias Maria Giovanna Petrillo è professore Associato in Letteratura Francese e giornalista pubblicista. Incardinata presso il Dipartimento di Studi Economici e Giuridici dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”. Insegna “Abilità Linguistiche in Lingua Francese” e “Civiltà Francofone. Dal 2021 coordina il Collegio Docenti del Dottorato di ricerca in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche. Formatrice CLIL/EMILE. I suoi campi di ricerca riguardano la letteratura francese e francofona dal XIX secolo all’estremo contemporaneo; alcuni lavori indagano la polarità tra giornalismo, cinema e letteratura.

You might also like

Alla Reggia Designer Outlet c’è l’International Coffee Day

Alla Reggia Designer Outlet il prossimo sabato primo ottobre non perdere l’appuntamento con l’International Coffee Day, la giornata internazionale tutta dedicata al caffè e all’amore per questa straordinaria miscela. In

Splendide e alla moda in ogni occasione

(Redazione moda) – Essere splendida e alla moda anche in una giornata grigia? La nostra rubrica “Come mi vesto oggi?” nasce per dare consigli moda e suggerimenti per un look perfetto in ogni circostanza.

Acli Caserta. Un concorso fotografico per raccontare il lavoro

Alessandra d’Alessandro -«Il lavoro è la vocazione dell’uomo come afferma Papa Francesco e la festa del Primo Maggio non è un evento estraneo e lontano, è la festa di tutti coloro

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply