Enzo Avitabile & i Bottari, che musica sul palco del Campania!

Enzo Avitabile & i Bottari, che musica sul palco del Campania!

(Luigi D’Ambra) – Il pop. Il ritmo afro-americano. La musica antica della pastellessa e della zeza e il canto sacro. Sul palco del Centro Campania ospite d’eccezione Enzo Avitabile. Con il musicista napoletano anche i Bottari di Portici. Avitabile ha vissuto nella ricerca di un suono inedito, non solamente originale ma vitale ed essenziale. Demolendo ogni sovrastruttura mercantile, ogni moda.

Queste le vere note biografiche del cantante, compositore e polistrumentista nato a Marianella, quartiere popolare di Napoli nel 1955. Da bambino, Avitabile ha studiato il sassofono; da adolescente si è esibito nei club napoletani affollati dai clienti americani. Quindi si è diplomato nella disciplina del flauto al Conservatorio di Napoli San Pietro a Majella e ha iniziato a collaborare con artisti pop e rock di tutto il mondo, da James Brown a Tina Turner, ma muovendosi sempre sotto un cielo assolutamente personale, mai comune.

Risale al 2001 l’ incontro tra i Bottari di Portico e Avitabile. Nel 2004 da questa collaborazione nasce l’album “Salvamm’ ‘o munno”, che parte proprio dall’inventiva musicale di Enzo Avitabile e dal suono antico delle botti e dei Bottari di Portico, passando per i Cantori del Miserere di Sessa Aurunca, tradizione della Settimana Santa, collaborando con l’ultima grande voce del canto a fronna, espressione vocale tipica dell’area vesuviana, per giungere ai colori magici della launeddas del grande sardo Luigi Lai. La collaborazione prosegue, ed è così che nel 2007 è stato presentato l’ultimo lavoro discografico di Enzo Avitabile & Bottari di Portico, un album doppio il cui titolo è “Festa, Farina e Forca”, dallo slogan della rivoluzione napoletana.
Radicale ogni volta di più la produzione musicale di Enzo Avitabile, sempre scortato dalle percussioni dei Bottari di Portico. Insieme, portatori di senso, spirito, corporeità meridionali che dal basso, dalla terra, sorgono, e che al cielo, all’immateriale, rivolgono il loro canto.
Al ritmo della pastellessa, del dub, della zeza e dell’electro-etno. Ancora insieme nel 2012 anno in cui viene dato alle stampe un progetto dal respiro mondiale “Black Tarantella”. L’album viene pubblicato in tutto il mondo da CNI.

 

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9728 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Aversa Millenaria. Un viaggio alla riscoperta delle origini

Claudio Sacco – Con il Corteo storico che ha colorato e animato le strade della città di Aversa si è conclusa la manifestazione “Aprile 2018: Aversa compie 996 anni”. Il ricco

Attualità

Pranzo di Natale solidale, chef in piazza per l’Opera Sant’Anna

Maria Beatrice Crisci – Un grande “ristorante” con un menù speciale a base di solidarietà e vicinanza. E il vescovo Pietro Lagnese, accompagato dal parroco Andrea Campanile, non ha voluto

Primo piano

Napoli, i paradisi musicali di Conte e Caiano al Trianon Viviani

-Al Trianon Viviani domenica 7 novembre, alle 18, data unica del concerto Duje paravise di Gianni Conte, con la partecipazione straordinaria di Mariano Caiano. Il titolo rimanda alla canzone omonima del 1928, musicata da E.A.