Gioia Sannitica, tutto pronto per la sagra degli Antichi Sapori

Gioia Sannitica, tutto pronto per la sagra degli Antichi Sapori

-Torna la Sagra degli Antichi Sapori a Gioia Sannitica, il Matese si riappropria della kermesse enogastronomica per eccellenza tanto dell’Alto Casertano quanto della vicina Valle Telesina, giunta quest’anno alla sua 24esima edizione. Un Ferragosto succulento nei sapori e per i tanti palati esigenti che solo al fresco di Gioia Sannitica riescono a trovare piena soddisfazione grazie alle leccornie culinarie preparate dalle decine di volontari della Pro Loco Gioiese APS, presieduta da Tiziana Mennone con l’intero Consiglio Direttivo.

Dal 12 al 16 agosto prossimo, il centro gioiese ospiterà  l’evento che animerà il Ferragosto nel Matese, cinque giorni e cinque serate dedicate ai prodotti tipici locali e al cibo genuino di una volta che consentiranno ai visitatori della 24esima Sagra degli Antichi Sapori di assaggiare succulenti piatti con pasta fresca fatta in casa, dagli gnocchi alle pappardelle, dagli scialatielli ai fusilli finendo ai cicatielli, e a base del fungo porcino del Matese, con arrosti misti, trippa soffritto, melanzane ed i classici peperoni imbottiti, senza dimenticare la porchetta, gli abbuoti, gli spiedini, la carne di maiale con i peperoni, i salumi ed i formaggi tipici matesini, le pizze fritte fatte in casa e le bruschette fatte al momento, il tutto condito dall’ottimo olio delle colline gioiesi e innaffiato dai vini locali, tra cui falangina, piedirosso, coda di volpe e pallagrello, e dalla birra artigianale.

-Promossa ed organizzata come sempre dalla Pro Loco Gioiese, con il patrocinio della Provincia di Caserta, dell’Ente Parco del Matese, del Comune di Gioia Sannitica, dell’Unpli, dell’Ept di Caserta, della Comunità Montana del Matese, della Regione Campania e del Consorzio Turistico Pro Loco del Matese, la Sagra degli Antichi Sapori si terrà, come sempre, nella caratteristica piazza Giovanni Paolo II, retrostante la Casa Comunale, dove le migliaia di turisti che accorreranno dai centri maggiori di Terra di Lavoro e del Sannio, avranno l’opportunità di degustare delle pietanze tipiche della lunga tradizione gastronomica del Matese, nell’ottica di riscoprire gli antichi sapori di una volta che il ritmo frenetico della vita prima e la globalizzazione poi hanno finito per confinare in un oblìo che la manifestazione culinaria punta a cancellare.  Le serate saranno allietate da musica dal vivo e tanto divertimento dai bambini ai più anziani, passando per giovani ed adulti che avranno modo di rilassarsi in un paesaggio davvero incantevole.

“Con l’Edizione di quest’anno della Sagra, avviamo una collaborazione con il Progetto “Non solo Parco” per il quale il Comune di Gioia Sannitica ha ricevuto un finanziamento dal Ministero della Cultura nell’ambito del PNNR, M1C3, Investimento 2.1 – “Attrattività dei borghi”.

Nello spirito di favorire la sostenibilità ambientale, “Non solo Parco” sta affiancando eventi pertinenti al progetto che si svolgono sul territorio comunale mettendo a disposizione materiale completamente compostabile (piatti, posate, etc) per minimizzare l’impronta ecologica e creare consapevolezza verso i temi del riciclo e del riuso, mirando a far diventare il Comune di Gioia sempre più ‘green’ e sostenibile”, spiega Mennone, presidente della Pro Loco Gioiese.

About author

You might also like

Comunicati

Picasso e l’antico, al Mann con le visite serali del giovedì

-Con un invito alla mostra “Picasso e l’antico” (visite guidate gratuite, prenotazione obbligatoria su www.eventbrite.it) riprendono le aperture serali del giovedì (dalle 19:00 alle 22:30, ultimo ingresso alle 22) per tutto il mese di settembre

Primo piano

Patrimonio d’arte, al Pizzi di Capua il concorso di Italia Nostra

Enzo Battarra – Il Liceo Statale Salvatore Pizzi di Capua si conferma ancora una volta un’eccellenza tra gli istituti scolastici della Provincia di Caserta. La classe quarta A dello Scientifico

Attualità

Approda alla Camera dei Deputati il manifesto sull’architettura in dieci punti dell’Ordine casertano

(Enzo Battarra)       Il manifesto sull’architettura in dieci punti ne ha fatta di strada! Elaborato dall’Ordine provinciale degli Architetti di Caserta e presentato nel Teatro Comunale a gennaio