Isaia, la casa che fa moda con le sete e i disegni di San Leucio

Isaia, la casa che fa moda con le sete e i disegni di San Leucio

(Enzo Battarra) – La via della seta porta a San Leucio. Lo sa il mondo intero e lo sa ovviamente anche una grande casa di moda napoletana come Isaia. La collezione autunno/inverno 2017/18, presentata a Palazzo Serbelloni a Milamo, vedrà come protagonista la produzione serica leuciana, recuperando le stoffe e i disegni della leggendaria manifattura borbonica sorta tra le colline non lontano dalla grandiosa Reggia di Caserta e orgoglio del Regno di Napoli tra Settecento e Ottocento.

In un comunicato diffuso alla stampa il sindaco di Caserta Carlo Marino ha spiegato: “Siamo di fronte ad un’iniziativa di grande importanza, che consente al Belvedere di San Leucio, sito Unesco di straordinaria valenza culturale e turistica, di fruire di un’opportunità unica di promozione e sviluppo. Con questo progetto inizia una collaborazione con una delle aziende più importanti al mondo nel campo della moda, che è anche una straordinaria eccellenza del territorio campano, una realtà che conta centinaia di dipendenti in tutti i continenti. Con Isaia intendiamo proseguire questa sinergia, che consente a noi di far conoscere l’eccezionale valore del Belvedere e all’azienda di poter abbinare il proprio marchio a uno scenario unico e meraviglioso. Sono certo – ha concluso il Sindaco – che tutte le attività che porremo in essere saranno estremamente fruttuose per l’immagine e lo sviluppo della città di Caserta”.

Il Belvedere di San Leucio – si legge sempre nel comunicato – diventa grande protagonista e testimonial d’eccezione del made in Italy nel mondo. Il plot si rivela quanto mai ricco, diversificato, pieno di contrasti ed energia, ma si risolve in una forma molto armonica, delineando un linguaggio comune in un mosaico di spunti e suggestioni provenienti da ambiti apparentemente lontani e differenti fra loro. Dalla tradizione di San Leucio arriva il motivo a losanga – o diamante – che per Isaia si traduce in un tema portante squisitamente suo e di marca profondamente partenopea.

La collezione proposta da Isaia si presenta come una sorta di tributo all’insuperabile cultura locale del fare, alla produzione tessile autoctona di altissima qualità, ispirandosi chiaramente al primato internazionale della seta della reale Manifattura di San Leucio.

Una storia magnifica e radiosa, che, nell’intento della grande casa di moda, deve creare un collegamento con la parabola proto-industriale di San Leucio, totalmente all’avanguardia rispetto al tempo in cui viene fondata. Un’utopia divenuta realtà, voluta con passione e lungimiranza da Ferdinando IV di Borbone alla fine del XVIII secolo, prima della svolta reazionaria e conservativa che fece seguito all’avvento della Repubblica Partenopea nel 1799 e agli anni del dominio napoleonico sul Regno delle Due Sicilie.

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 8558 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano 0 Comments

Capua Domenicana, il nuovo volume di don Giuseppe Centore

Luigi Fusco -In dirittura d’arrivo il mese delle celebrazioni mariane, vissuto attraverso intensi momenti di preghiera, programmato dall’Arciconfraternita del SS. Rosario di Capua. A concludere il ciclo delle manifestazioni religiose

Primo piano 0 Comments

Nadia Verdile si racconta a Carditello, il libro è “Carne viva”

Claudio Sacco -La scrittrice e giornalista Nadia Verdile stasera al Real Sito di Carditello. Alle 19,30 presenta il suo ultimo libro «Carne Viva. Saga italiana fra Otto e Novecento», pubblicato

Spettacolo 0 Comments

Teatro Festival, “Fuck me” inaugura la sezione internazionale

Luigi Fusco -Mercoledì 8 settembre, alle 21, presso il Teatro Politeama di Napoli, prenderà il via la sezione internazionale del Campania Teatro Festival, rassegna diretta da Ruggero Cappuccio, organizzata dalla

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply