L’Emiciclo? Un hub della cultura

L’Emiciclo? Un hub della cultura

(Enrico Vellante*) – Se si guarda agli scenari europei si nota come le città abbiano acquisito la consapevolezza di dover essere guida nei processi di innovazione e leva per la crescita economica locale. Questo ha indotto i policy maker a focalizzare l’azione di governo della città non solo sul piano di interventi infrastrutturali materiali, ma anche su aspetti immateriali, in particolare sulla creazione di una identità che caratterizzi la propria città rispetto alle altre. Questa spesso passa attraverso un luogo specifico, un luogo con un’identità forte ed esplicita che deriva sia dalla architettura che ne definisce il contenitore, sia dalle funzioni, servizi, eventi che ne definiscono i contenuti.

EMICICLO

A Caserta, guardando Piazza Carlo III dall’alto risulta immediatamente evidente l’emiciclo disegnato dai due edifici che stanno di fronte alla Reggia. Sembrano quasi una sua estensione, due braccia accoglienti. Forse nell’idea di Vanvitelli lo erano, perché entro quel perimetro immaginava di accogliere fiere militari, eventi ippici e quant’altro si usava all’epoca in termini di attività collettive. Ma se si guarda bene si può individuare un emiciclo speculare, non disegnato dalle geometrie architettoniche ma dalle funzioni degli edifici che lo compongono. Partendo da sinistra e procedendo in senso antiorario si trovano la Scuola Nazionale dell’Amministrazione con il suo centro residenziale e studi, il Polo Scientifico della Seconda Università degli Studi di Napoli, 012Factory con la sua Academy per l’impresa innovativa, il Polo di Scienze Sociali della SUN e infine la Scuola Specialisti dell’Aeronautica Militare. Esiste un emiciclo della conoscenza e della cultura!

Si può realizzare in Piazza Carlo III un “hub” della cultura e dell’innovazione, che sviluppi azioni materiali e immateriali, capaci di mettere in rete gli stakeholder e a sistema le azioni già esistenti, guardando a ulteriori sviluppi futuri.

 * Cofondatore 012Factory

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 9740 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Editoriale

Airc, in piazza Dante tornano i “cioccolatini della ricerca”

Redazione -Tornano i cioccolatini della Ricerca Airc. A Caserta l’appuntamento è per sabato 11 novembre dalle 8 alle 11 in piazza Dante. I volontari saranno in 2mila piazze italiane con

Primo piano

Storie casertane, in via San Carlo la real fabbrica di maioliche

Luigi Fusco – A Caserta, poco prima dell’avvio dei lavori di fondazione della Reggia, vennero avviate, per volere di re Carlo di Borbone, alcune imprese manifatturiere, i cui prodotti dovevano

Attualità

Identikit del coronafobico, è l’ansia che fa perdere il controllo

Armando Rispoli (Psicologo – Psicoterapeuta) – Genesi del coronafobico. La paura è una delle emozioni fondamentali di tutti noi, ci mette in guardia dai pericoli e ci spinge alla sopravvivenza.