Ci vorrebbe una vacanza dalla vacanza. Siamo sicuri di sapere andare in ferie?

Ci vorrebbe una vacanza dalla vacanza. Siamo sicuri di sapere andare in ferie?

Armando Rispoli (psicologo e psicoterapeuta) 

-Per tanti le vacanze segnano un momento di stacco completo dalla quotidianità, dalle abitudini routinarie, dai ritmi lavorativi e un conseguenziale riappropriarsi dei propri tempi dei propri modi di vivere la giornata le relazioni e i propri interessi. Questa conquista dona loro un senso di libertà di riconoscimento delle proprie istintualità, un contatto con sé stessi e una sensazione piacevole di recupero di energie in grado di avere reali riscontri positivi sulla mente, sul corpo, nelle relazioni.

Ma per molti altri, oggi in tanti, entrare in vacanza significa interrompere un profondo processo di “anestesia” dai propri problemi, dalle difficoltà relazionali, dai propri nodi interni, dai propri non detti. Proprio così, un’anestesia che, attraverso il continuo FARE, attraverso il convogliare tutte le proprie energie a fare continuamente cose, attraverso il riempire per intero le giornate anche più di quanto realmente necessario, è in grado di tenere distanti problemi, confronti, fallimenti, dispiaceri, affari da risolvere, abitudini da cambiare.
Questa “anestesia” svanisce di botto nel momento in cui le FERIE impongono il completo FAR NULLA!
È in quel momento che rimbombano nelle orecchie mille voci interne a ricordare per quanto tempo, tante questioni importanti, sono state lasciate in sospeso, provocando effetti spiacevoli, sicuramente differenti dalle tanto attese sensazioni di rilassamento.
Per cui al rientro dalle ferie si è quasi felici di tornare a riempire….quei chiassosi vuoti!

Il consiglio è di LIBERARE IL TEMPO OGNI GIORNO, imparare a comunicare con sé stessi, superare la paura della noia, imparare a dedicare del tempo ai propri interessi, imparare a mollare la presa, imparare a vivere nel presente, imparare a dire no, imparare a dire “continuo domani”…
È questo il segreto per poter godere a pieno delle meritate ferie, quando arrivano, ma soprattutto per non aspettare i 15 giorni di agosto per sentirsi in ferie…FARE DEL PROPRIO TEMPO UN “TEMPO LIBERATO”

About author

Maria Beatrice Crisci
Maria Beatrice Crisci 6906 posts

Mi occupo di comunicazione, uffici stampa e pubbliche relazioni, in particolare per i rapporti con le testate giornalistiche (carta stampata, tv, radio e web).Sono giornalista professionista, responsabile della comunicazione per l'Ordine dei Commercialisti e l'Ordine dei Medici di Caserta. Collaboratrice de Il Mattino. Ho seguito come addetto stampa numerose manifestazioni e rassegne di livello nazionale e territoriale. Inoltre, mi piace sottolineare la mia esperienza, più che ventennale, nel mondo dell'informazione televisiva, come responsabile della redazione giornalistica di TelePrima, speaker e autrice di diversi programmi. Grazie al lavoro televisivo ho acquisito anche esperienza nelle tecniche di ripresa e di montaggio video, che mi hanno permesso di realizzare servizi, videoclip e spot pubblicitari visibili sulla mia pagina youtube. Come art promoter seguo alcune gallerie d'arte e collaboro con alcuni istituti scolastici in qualità di esperta esterna per i Laboratori di giornalismo. Nel 2009 ho vinto il premio giornalistico Città di Salerno.

You might also like

Primo piano

Confindustria, il neopresidente Schiavone presenta la squadra

Innovazione, condivisione e rinascita. Sono queste alcune parole chiave del programma relativo al quadriennio 2021-2025 presentato oggi pomeriggio al Consiglio Generale dal presidente designato di Confindustria Caserta Beniamino Schiavone. Oltre

Primo piano

Accoglienza consapevole. La Cgil Caserta fa appello ai sindaci della provincia

“L’accoglienza dei richiedenti asilo è comunemente vista come un peso che ricade sulle spalle dei cittadini italiani, come dimostrano anche i numerosi episodi di protesta all’apice della cronaca del territorio

Primo piano

Fabrizio Bosso al Moro, uno squillo di tromba all’Epifania

(Redazione) – Un nuovo anno in jazz per il Moro di Cava de’ Tirreni. Venerdì 6 gennaio alle ore 22 a inaugurare il 2017 sarà il quartetto capitanato da Fabrizio Bosso.

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply